Gio 02 Aprile 2020 — 01:53

Mps, Selvetti in pole position come nuovo ad?



L’ex Creval secondo indiscrezioni di stampa sarebbe il nome in evidenza nella rosa proposta dagli head hunter al Tesoro

mps mauro selvetti

L’ex direttore del Creval, Mauro Selvetti, sarebbe il candidato favorito per la successione a Marco Morelli quale nuovo amministratore delegato di Banca Mps. Lo scrive oggi il Sole 24 Ore, a pochi giorni dalla scadenza del 12 marzo per la presentazione della lista del Tesoro, una deadline che secondo altre indiscrezioni potrebbe essere tuttavia aggirata, portando i nomi direttamente all’assemblea Mps del 6 aprile (coronavirus permettendo).

Mps, Selvetti favorito per la carica di ad

Secondo il giornale economico però il nome di Selvetti, che diede l’addio al Creval all’incirca 1 anno fa, pressato dai fondi, spicca nella rosa di nomi vagliata dal Mef, cui fa capo oltre il 68% della Banca Monte dei Paschi di Siena.

Il profilo di Selvetti, secondo gli head hunter che assistono Mps, sarebbe idoneo a traghettare la banca verso una fusione, anche se si attende ancora l’esito delle trattative con Bruxelles sul massivo passaggio di crediti deteriorati ad Amco, condizione indispensabile per rendere l’istituto appetibile per un’aggregazione.

Gli altri candidati

Selvetti, nato a Sondrio nel 1960, darebbe garanzie sul corretto “funzionamento della macchina organizzativa e commerciale pilotando la banca verso le nozze”.

Il manager ex Creval batterebbe così la concorrenza di altri candidati fra cui la stessa numero uno di Amco (la ex Sga), Marina Natale; Fabio Innocenzi; Fabio Gallia; Francesco Caio; Roberto Nicastro; Alberto Minali; e perfino Fabrizio Viola, già amministratore delegato del Monte dei Paschi di Siena dal 2012 al 2016.

In Borsa intanto alle ore 13,30 le azioni Mps non si sottraggono alla nuova giornata di forti vendite e segnano -3,58% a 1,427 euro.

unipol mediobanca 01-04-2020 — 02:47

Sorprese Consob: Unipol in Mediobanca e la Cina su Eni

Le partecipazioni emergono in virtù delle nuove soglie fissate all’1% (dal 3%) per le società a maggior capitalizzazione e al 3% (dal 5%) per quelle minori

continua la lettura