Dom 24 Marzo 2019 — 02:49

Mps, per l’ad Morelli stipendio di 466.250 euro



Il manager secondo la relazione sulla remunerazione riceve il compenso solo in qualità di direttore generale e nulla come amministratore delegato

Mps news Morelli

L’ad di Banca Mps, Marco Morelli, ha “portato a casa” nel 2018 uno stipendio di 466.250 euro. E’ quanto si apprende dalla Relazione sulla remunerazione 2019 consultata da Radiocor ma non ancora pubblicata dall’istituto controllato al 68% dal Tesoro.

Il compenso di Morelli, viene specificato, riguarda la carica di direttore generale di Mps, mentre il manager non riceve nulla per l’incarico di amministratore delegato.

Il salario del numero uno del Monte dei Paschi di Siena non rientra fra quelli dei 201 banchieri italiani che “intascano” oltre 1 milione l’anno. Questo anche per via dei paletti concordati tra Commissione europea e governo italiano al momento di redigere due anni fa il piano di ristrutturazione.

Tuttavia, dalla relazione emerge che nel gruppo Mps figurano due “high earners” nella fascia tra 1 e 1,5 milioni. Si tratta di due consulenti finanziari di Widiba, che “operano in qualità di agenti sulla base di specifico mandato”.

Per i 23.463 dipendenti della banca la retribuzione media si attesta a 46.528 euro da 46.241 euro alla fine del 2017).

Intanto proseguono i preparativi per l’assemblea dell’11 aprile. Fra i diversi argomenti che figurano all’ordine del giorno, ha destato curiosità la richiesta del cda di stipulare una polizza da 3,3 milioni di euro che copra i danni del management. Si tratta di un’assicurazione cosiddetta “Directors & Officer Liability (D&O)” sottoscitta anche da altri istituti di credito italianji oltre che da diverse partecipate pubbliche. L’ultima parola spetterà all’assemblea.

carige news 22-03-2019 — 09:52

Carige: countdown per le offerte. Closing su Creditis, rilancio per Cesare Ponti

Entro il 28 marzo si chiude per la cessione della società di credito al consumo mentre per la metà di aprile sono attese le offerte per l’aggregazione. Intanto primi passi concreti per il rilancio della società di gestione del risparmio con una nuova filiale a Genova

continua la lettura