Mer 27 Ottobre 2021 — 19:27

Mps completa cessione azioni proprie pari a 3,62% del capitale



Controvalore 43 milioni di euro, con un impatto positivo sul Cet1 nel 2021 stimato in 10 punti base

mps cause legali

Banca Mps ha concluso l’attività di vendita delle azioni proprie (36.280.748 pari complessivamente a circa il 3,62% del capitale) rivenienti dagli interventi di rafforzamento patrimoniale realizzati nel corso del 2017.

L’operazione, precisa la banca senese, è avvenuta ai sensi del Decreto Legge n. 237/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 15/2017, e del Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 175 in data 28 luglio 2017, che ha disposto, inter alia, la conversione in azioni ordinarie di nuova emissione degli strumenti di capitale aggiuntivo di classe 1 (Additional Tier 1) e di classe 2 (Tier 2) nell’ambito dell’applicazione delle misure di ripartizione degli oneri (burden sharing).

La notizia arriva mentre le trattative tra Tesoro e Unicredit su una fusione del Monte dei Paschi sarebbero a una stretta finale.

Mps spiega che la cessione di dette azioni proprie (detenute, per 21.511.753 azioni, direttamente dalla banca e per 14.768.995 azioni, indirettamente, per il tramite della controllata Mps Capital Services), è stata autorizzata dall’assemblea degli azionisti del 18 maggio 2020.

Le operazioni di vendita, iniziate il giorno 22 febbraio 2021 e concluse il 4 ottobre 2021, sono state effettuate sul Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana tramite l’intermediario Equita Sim, incaricato da Siena, per un controvalore complessivo pari a circa 43 milioni di euro, con un impatto positivo sul Cet1 nel 2021 stimato in 10 punti base.

Intanto per il titolo in Borsa la giornata si apre all’insegna dei realizzi, in linea con il comparto e l’andamento negativo generale: alle ore 9,08 B.Mps -0,36% a 1,1125 euro.

mediobanca trimestrale 27-10-2021 — 02:22

Mediobanca: trimestrale batte attese, no comment di Nagel su battaglia Generali

Commissioni record. Anche l’outlook è positivo, confermata la politica dei dividendi

continua la lettura