Lun 08 Agosto 2022 — 03:08

Mfe (Mediaset) mette sul piatto dividendo 2022 di 0,05 euro



Da attendere la conclusione dell’opas su Mediaset Espana, quindi la distribuzione della cedola è prevista a settembre e “comunque non oltre il mese di novembre”

azioni mediaset

Il cda di Mfe (Mediaset) ha deciso di proporre all’assemblea degli azionisti la distribuzione di un dividendo 2022, a valere sull’esercizio 2021, di 0,05 euro.

Mfe: dividendo 2022

Il dividendo Mfe 2022 di 5 centesimi sarà assegnato sia ai titolari di azioni A sia a chi possiede azioni di categoria B. Quanto al calendario di distribuzione della cedola, “l’ammontare complessivo del dividendo proposto e, conseguentemente, l’ammontare residuo degli utili da destinare a riserva, varierà in funzione del numero di azioni in circolazione alla data di stacco delle cedole”, che sarà presumibilmente a settembre e comunque non oltre il mese di novembre: questo in virtù dei tempi e delle modalità dell’opas su Mediaset Espana che prevede l’assegnazione di una parte del corrispettivo in azioni A di nuova emissione.

Media for Europe (Mfe) spiega: “Sulla base di quanto a oggi ipotizzabile si prevede, indicativamente, che il pagamento possa avvenire il 21 settembre 2022 (con stacco cedola il 19 settembre 2022 e record date il 20 settembre 2022) e comunque non oltre il mese di novembre”.

Azioni Mfe A e B

Come evidenziato dagli analisti di Equita, il dividendo Mfe di 5 cents “assicura uno yield del 9% per le azioni di categoria A”.

Gli esperti spiegano che “la decisione di garantire il dividendo anche alle azioni di nuova emissione in seguito all’Opas dovrebbe essere un sostegno per l’azione di categoria A che attualmente tratta con uno sconto del 39% sulle azioni di categoria B”.

In Borsa l’impatto della notizia è infatti contrastato: alle ore 10,44 le azioni Mfe A segnano +1,76% a 0,5485 euro, Mfe B -0,77% a 0,899 euro.

moratorie covid 06-08-2022 — 11:35

Semestrali banche italiane, trainate dal margine d’interesse

L’analisi condotta per First Cisl dal Comitato scientifico della Fondazione Fiba sui conti di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Banco Bpm e Bper

continua la lettura