Mar 26 Gennaio 2021 — 11:05

Mediobanca: trimestrale sopra attese, cambia politica dividendo



Anche i ricavi sono migliori delle previsioni. Risultati record per la divisione Cib

mediobanca tassi negativi

Mediobanca riduce le perdite in Borsa, in una giornata difficile, dopo una trimestrale migliore delle attese. I risultati del primo trimestre 2020/2021 vedono in particolare una performance record per la divisione Cib (Corporate & Investment Banking). Crescita costante per il Wealth Management, mentre la banca segnala una ripresa più veloce delle attese per il Consumer.

Mediobanca, primo trimestre 2020/2021

Mediobanca registra nel primo trimestre 2020/2021 un utile netto di 200 milioni da 271 milioni dello stesso periodo 2019 su ricavi per 626 milioni (da 684 milioni).

Il consensus degli analisti stimava un utile netto di 140 milioni su ricavi per 595 milioni.

La frenata dell’utile è dovuta interamente al minor apporto di Assicurazioni Generali (a 45 milioni da 135,5 milioni) per gli oneri straordinari legati al contenzioso per la cessione della partecipata svizzera Bsi.

Fra i ricavi, Commissioni in forte ripresa (+22% a 189 milioni) trainate dal Cib (+54% a 88 milioni). Margine di interesse pressoché stabile a 357 milioni per i minori impieghi nel Consumer.

Mediobanca, sale payout dividendo

Piazzetta Cuccia con la trimestrale fornisce una guidance sul dividendo indicando un payout al 70%. Più in dettaglio, “alla luce delle recenti disposizioni Eba e delle incertezze del periodo, si è ritenuto opportuno abbandonare il target di dividendo” e tornare ad un’indicazione di payout.

Per l’esercizio 2020-2021, se la Bce ritirerà l’attuale stop alle cedole, Mediobanca prevede quindi un payout “relativo alla sola componente dividendo” al 70%, “tenuto conto dell’elevata capitalizzazione”.

Si tratta di un livello in crescita rispetto al 50% registrato nell’esercizio 2018-2019, ultimo dividendo distribuito prima del diktat Bce. Quest’anno l’istituto guidato da Alberto Nagel aveva previsto di pagare agli azionisti 0,52 euro per azione, che in base alla precedente policy sarebbero dovuti salire a 0,54 euro l’anno prossimo.

In Borsa alle ore 13,59 le azioni Mediobanca segnano -1,77% a 6,42 euro.

unicredit intesa sanpaolo npl 26-01-2021 — 10:13

Banche italiane verso la cessione di 40 miliardi di Npl nel 2021: previsioni Banca Ifis

Lo stock complessivo di Npe (che comprende i non performing loans, gli Utp e gli scaduti) in Italia potrebbe salire a 389 miliardi e toccare il record storico di 441 miliardi nel 2022

continua la lettura