Mer 26 Giugno 2019 — 12:54

Massiah (Ubi Banca) conferma nuovo piano e rilancia su aggregazioni



Per l’ad della banca lombarda un’ulteriore integrazione nel settore bancario italiano “ci sarà e noi non staremo a guardare”, ma “la premessa è che siano operazioni non per curare le ferite”

ubi massiah

L’ad di Ubi Banca Victor Massiah rilancia il ruolo della banca lombarda nel consolidamento di settore, e rassicura sulla necessità di scrivere un piano industriale alla luce delle attuali condizioni macro economiche.

Ubi, Massiah conferma necessità nuovo piano

Su quest’ultimo punto Massiah, intervistato dall’inserto Affari & Finanza di Repubblica, spiega che “ancora per tutto il 2019 e forse anche oltre la temperatura sarà sotto zero. Abbiamo temuto uno scenario giapponese, ma in realtà lo stiamo vivendo: inflazione molto bassa, tassi negativi, crescita modesta”.

Per questa ragione, spiega l’ad di Ubi, “proporremo al prossimo cda di scrivere un nuovo piano industriale che tenga conto del mutato contesto. E peraltro per il 2019 prevediamo risultati in crescita”.

Ubi Banca pronta al risiko, ma…

Quanto all’M&A, un’ulteriore integrazione nel settore bancario italiano “ci sarà e noi non staremo a guardare”, dice Massiah, ma “la premessa è che siano operazioni non per curare le ferite ma per creare un soggetto più forte”.

Ne consegue, secondo Massiah, che “la creazione di valore deve essere rilevante e la governance chiara, perché se manca la chiarezza le difficoltà e i rischi di fallimento aumentano a dismisura”.

Una banca, è il ragionamento del numero uno di Ubi, deve crescere “per aumentare le economie di scala e identificare settori snelli e redditizi nei quali investire, come abbiamo iniziato a fare con l’asset management in Cina, dove gestiamo 40 miliardi”.

Intanto in Borsa le azioni Ubi Banca salgono oggi assime al resto del comparto. Alle ore 10,33 il titolo segna +2,08% a 2,351 euro.

officina stellare 26-06-2019 — 10:58

Officina Stellare, decolla al debutto su Aim di Borsa Italiana

La società, basata a Sarcedo (Vicenza), punta a imporsi a livello internazionale “Space Factory” di riferimento

continua la lettura