Mer 22 Gennaio 2020 — 13:26

L’Opec taglia e spinge il petrolio. Corrono Saipem e Tenaris



La nuova riduzione, pari a 500.000 barili giornalieri, porta i tagli complessivi a 1,7 milioni di barili

opec petrolio

Via libera dall’Opec e i suoi alleati a nuovi tagli della produzione di petrolio. La nuova riduzione, pari a 500.000 barili giornalieri, porta i tagli complessivi a 1,7 milioni di barili. La notizia spinge le quotazioni del greggio, nonché i titoli petroliferi fra cui spiccano Saipem e Tenaris; bene anche Eni su cui tuttavia gli analisti di Jp Morgan hanno limato il target di prezzo da 15 a 14 euro, confermando la raccomandazione underweight.

La decisione è stata presa a Vienna dal gruppo cosiddetto Opec+, che oltre ai 14 Paesi del cartello include altri produttori di rilevanza mondiale come la Russia. Il ministro russo dell’Energia, Alexander Novak, ha dichiarato venerdì in una conferenza stampa che la quota di Mosca sarà di 300.000 barili durante i primi tre mesi del 2020. La politica di tagli viene estesa fino a marzo 2020.

Il nuovo taglio, cocnordato ieri in linea di principio, ma rimasto incerto fino all’ultimo minuto, potrebbe essere rinnovato dopo un nuovo incontro tecnico in programma alla fine di marzo.

La notizia spinge le quotazioni del Brent sopra i 64 dollari al barile e il Wti americano sopra i 59 dollari, entrambi in rialzo di circa il 2%.

Sulla Borsa di Milano alle ore 16,18 si mettono in evidenza Tenaris +2,27% a 9,92 euro, Saipem +2,17% a 4,244 euro, Eni +1,14% a 13,8 euro.

popolare sondrio caricento 22-01-2020 — 10:43

Popolare Sondrio, è guerra con il fondo Amber

Il fondo, che si è visto bocciare la richiesta di ammissione a socio, non potrà partecipare all’assemblea e denuncia la “violazione della democrazia azionaria”

continua la lettura