Dom 24 Gennaio 2021 — 00:45

Kryalos Sgr, a club Mediobanca storico palazzo in Cordusio



Accordo di esclusiva per la vendita dell’edificio ex Poste a 246,7 milioni di euro

A seguito di un Consiglio di amministrazione riunitosi ieri, Kryalos Sgr comunica di aver concesso un periodo di esclusiva a Mediobanca per la vendita a un club deal di investitori del trophy asset di piazza Cordusio a Milano, ex sede di Poste Italiane, per un valore pari a 246,7 milioni.

La concessione del periodo di esclusiva è avvenuta al termine di un Beauty Contest che ha visto coinvolti i principali operatori di mercato nazionali ed internazionali.

Le offerte pervenute sono state valutate con l’assistenza di advisor specializzati e l’offerta di Mediobanca è stata giudicata quella maggiormente competitiva, anche da parte del Comitato Consultivo del fondo specificamente interpellato sul punto. Il closing dell’operazione è previsto entro la fine del 2020.

Appartenente al fondo Pacific 1 di Kryalos Sgr, l’immobile è oggi uno degli edifici più iconici di Milano; edificato nel 1901, già nel 1962 è stato elencato come punto di riferimento storico.

Situato in piazza Cordusio 3 nel centro del distretto finanziario milanese, il palazzo è stato in origine la sede della Borsa, mentre dal 1998 al 2011 è stato il quartier generale di Poste Italiane.

Completamente ristrutturato dalla proprietà tra il 2015 e il 2018, grazie ad un investimento di circa 23 milioni che ha riportato l’edificio alla magnificenza storica originaria, oggi l’asset è certificato LEED Gold e rispetta i più elevati standard ambientali ed energetici.

L’edificio assegnato a Mediobanca in Cordusio è la sede di tenant diversificati, prestigiosi e internazionali: Starbucks ha scelto lo storico palazzo di Piazza Cordusio per aprire nel 2018 il primo punto vendita in Italia, nonché la prima Starbucks Reserve Roastery d’Europa. Fra i tenant che occupano gli spazi ad uso uffici vi sono invece Jp Morgan, Natwest e la stessa Kryalos.

mps bce 22-01-2021 — 10:48

Mps, spunta l’ipotesi dell’aumento di capitale “a rate”

Un bond subordinato e due tranche successive in capitale: l’operazione consentirebbe al Tesoro maggiore flessibilità rispetto ai nodi degli aiuti di Stato e della riprivatizzazione

continua la lettura