Sab 05 Dicembre 2020 — 15:03

Kairos vara il riassetto: Julius Baer cede il 30%



Quota rilevata da fondatore Brera con manager Bove e Trabattoni. Cambia il ceo

kairos alberto castelli

Nuovo piano e riassetto azionario per Kairos, la società milanese di gestione del risparmio controllata dal gruppo bancario svizzero Julius Baer.

Kairos, Julius Baer cede il 30%

Il gruppo svizzero annuncia per Kairos un nuovo piano industriale e l’ingresso nel capitale di “un selezionato numero di gestori chiave” che diventeranno azionisti di minoranza con il 30% del capitale, mentre Julius Baer continuerà a detenere il 70%.

“Sotto la guida di un nuovo ceo che verrà presto nominato, il team svilupperà e implemenerà ulteriormente il business plan aggiornato. Con questi passi, sono state poste delle solide basi per un rinnovato e sostenibile successo di lungo termine di Kairos”, afferma Julius Baer.

Fondatore Brera

In una nota separata Kairos ha annunciato che Guido Brera, socio fondatore e chief investment officer asset management di Kairos Partners Sgr, Rocco Bove, head of fixed income, e Massimo Trabattoni, head of italian equity, torneranno azionisti di Kairos con una partecipazione complessiva del 30% e che Fabrizio Rindi passerà il testimone ad un nuovo ceo, assumendo, a partire dal 2021, il ruolo di presidente.

Julius Baer svaluta Kairos

Kairos è reduce da un periodo difficile. Intanto anche se i deflussi “sono diminuiti nel corso degli ultimi mesi” con 5 miliardi di franchi svizzeri di asset in gestione a fine settembre, Julius Baer è stata costretta a svalutare ulteriormente di 177 milioni di euro l’avviamento della controllata “alla luce della complessiva performance finanziaria e del piano industriale aggiornato, che riflette anche le incertezze economiche collegate all’impatti potenziale della crisi del Covid-19”.

La svalutazione impatterà negativamente sui risultati 2020 del gruppo svizzero, che alla Borsa di Zurigo poco dopo l’apertura guadagna però il 2,7%.

mps piano esuberi 04-12-2020 — 11:12

Mps, nel piano industriale almeno 3.000 esuberi

Le indiscrezioni fanno seguito alla nota con cui la banca ha convocato per il prossimo 17 dicembre un cda per delineare il nuovo piano strategico

continua la lettura