Mar 07 Febbraio 2023 — 03:05

Juventus giù in Borsa, in arrivo nuovi conti in rosso



I risultati della controllante Exor hanno evidenziato per la società bianconera una potenziale perdita semestrale 132 milioni, 251 milioni nell’esercizio

juventus champions

Azioni Juventus sotto pressione stamattina in Borsa dopo i conti della controllante Exor che hanno evidenziato per la società bianconera una potenziale perdita semestrale 132 milioni, 251 milioni nell’esercizio.

Infatti, dal momento che la Juventus ha chiuso il primo semestre dell’esercizio 2021-2022 con una perdita di 119 milioni di euro, la società guidata da Andrea Agnelli dovrebbe chiudere l’intero esercizio con una perdita di circa 251 milioni.

La Juve nel 2021-2022 aveva rimediato una perdita consolidata di 209,9 milioni e un anno prima di 89,7 milioni.

Quanto a Exor, la holding della famiglia Agnelli ha chiuso la semestrale con un utile consolidato di 265 milioni da 838 milioni dello stesso periodo del 2021. Una frenata attribuibile in gran parte al risultato negativo riportato nel semestre da PartnerRe (pari a circa 1 miliardo), ceduta poi a luglio a Covéa 9,3 miliardi di dollari. Tale risultato negativo è stato solo parzialmente compensato dall’utile registrato dalle altre partecipate, tra le quali Stellantis, Ferrari e Cnh Industrial. In calo anche il Net Asset Value (Nav), che passa a 25,5 miliardi dai 31 miliardi al 31 dicembre 2021.

Secondo gli analisti di Equita, dai risultati di Exor emergono “pochi spunti, in attesa del delisting”, visto che, come già annunciato, la società sarà quotata solamente ad Amsterdam: il titolo uscirà dall’indice Ftse Mib il 16 settembre e sarà delistato in Italia dal 27 settembre.

Il cda della Juventus per l’approvazione del bilancio di esercizio è previsto entro fine settembre. Intanto in Borsa alle ore 10,19 le azioni Juventus segnano -3,70% a 0,3334 euro; Exor-1,03% a 63,16 euro.

intesa sanpaolo raccomandazioni 06-02-2023 — 03:45

Intesa, raccomandazioni aggiornate dopo i conti 2022

Carrellata di nuovi giudizi e target price in scia a risultati e dividendo giudicati migliori delle attese

continua la lettura