Sab 20 Aprile 2019 — 13:14

Juventus, corre in Borsa tra attesa scudetto e Champions League



Azioni Juventus in spolvero e sui nuovi massimi del 2019 in Borsa alla vigilia di una partita di campionato decisiva per aggiudicarsi in anticipo l’ottavo scudetto consecutivo, mentre la settimana prossima il nuovo match con l’Ajax potrebbe sancire il passaggio del turno in Europa

Juventus Ronaldo Borsa

Azioni Juventus in spolvero e sui nuovi massimi del 2019 in Borsa alla vigilia di una partita di campionato decisiva per aggiudicarsi in anticipo l’ottavo scudetto consecutivo, mentre la settimana prossima il nuovo match con l’Ajax potrebbe sancire il passaggio del turno in Europa, con la squadra di calcio bianconera che ha come obiettivo principe la tanto agognata Champions League.

La Serie A intanto difficilmente riserverà sorprese. Già domani alla Juve basterebbe un pareggio contro la Spal per aggiudicarsi ancora il campionato italiano con sei giornate di anticipo.

Juventus punta sui ricavi da Champions League

Ma si guarda soprattutto all’Europa. La Juventus ha pareggiato 1-1 mercoledì scorso nella partita d’andata con l’Ajax, subendo gli attacchi degli olandesi ma garantendosi la parità grazie al solito Ronaldo (nella foto), il fuoriclasse acquistato proprio per mettere le mani sulla Champions League.

Un passaggio del turno (a Torino martedì prossimo basterebbe uno 0-0) e l’accesso alle semifinali permetterebbe alla Juventus di superare la soglia dei 100 milioni di ricavi quest’anno dalla Champions League, ossia 107 milioni, escluso il botteghino e ovviamente tutto il ritorno d’immagine derivante dai successi nella massima competizione europea. La cifra supererebbe invece i 126 milioni di euro in caso di qualificazione alla finale.

In Borsa alle ore 11,39 le azioni Juventus segnano +2,61% a 1,6535 euro dopo un picco a 1,662 euro, sui massimi dell’anno a un soffio dai massimi storici dello scorso settembre a 1,67 euro.

carige news 18-04-2019 — 09:54

Carige, piano di Blackrock lacrime e sangue

La taglia dell’aumento di capitale destinata a salire ad almeno 700 milioni, indiscrezioni sul taglio massiccio di filiali ed esuberi. Una call del gestore Usa sulla quota del Fitd

continua la lettura