Mer 28 Settembre 2022 — 03:09

Iren, da Bbva il primo finanziamento “water footprint” in Italia



Il margine è legato a due indicatori chiave: il prelievo di acqua, definito come il volume complessivo prelevato dall’ambiente per uso potabile; e le perdite idriche

iren

Iren, con il supporto di Bbva, è la prima azienda a sottoscrivere un finanziamento Water Footprint in Italia.

L’operazione, si legge in una nota, rappresenta un ulteriore traguardo nell’ambito della finanza sostenibile a supporto dell’impegno per la transizione ecologica e per l’uso sostenibile della risorsa idrica.

La nuova linea di credito da 50 milioni di euro, della durata di 5 anni, è legata al raggiungimento di alcuni degli obiettivi di sostenibilità che sono parte integrante del Business Plan al 2030.

Il margine del finanziamento è legato a due indicatori chiave: il prelievo di acqua, definito come il volume complessivo prelevato dall’ambiente per uso potabile; e le perdite idriche, definite come il rapporto tra il volume totale delle perdite idriche reali e il volume totale in entrata nel sistema di acquedotto in un determinato anno.

Per ogni indicatore sono stati fissati dei target, il cui raggiungimento o meno, comporterà una rimodulazione del margine finanziario. Gli indicatori scelti sono anche correlati a tre Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (SDGs): numero 6 (Acqua pulita e servizi igienici), numero 13 (Azione per il clima) e numero 14 (Vita sotto l’acqua).

Per Anna Tanganelli, Chief Financial Officer di Iren, “la sottoscrizione di questa nuova linea di credito con Bbva, fondata su obiettivi concreti di sostenibilità, nasce dalla solidità del merito creditizio che ci riconosce il mercato e ha permesso a Iren di diversificare ulteriormente le proprie fonti di finanziamento. La nostra struttura finanziaria, che vede il 65% del debito totale di Iren composto da strumenti green e assimilati, dimostra quando sia solida la strategia di sostenibilità che rappresenta per Iren la base di tutti i progetti di crescita futura”.

Intanto in Borsa alle ore 10,20 le azioni Iren segnano -2,01% a 1,401 euro in una nuova seduta difficile per il comparto delle utilities alle prese con l’attuale congiuntura e i rialzi dei tassi da parte delle banche centrali.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura