Dom 26 Settembre 2021 — 01:37

Intesa Sanpaolo: con Morval il nuovo polo europeo del private banking



Costituito il nuovo hub europeo del private banking, a conferma degli obiettivi contenuti nel piano d’impresa della banca

Intesa Sanpaolo target price

Si è concluso con successo il processo di fusione, avviato nell’agosto 2017, tra Intesa Sanpaolo Private Banking (Suisse) e Banque Morval.

Ottenute tutte le autorizzazioni delle competenti autorità di vigilanza, il nuovo istituto bancario ha assunto la denominazione Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) Morval, con sede legale a Ginevra.

“Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) Morval nasce con l’obiettivo di contribuire al disegno strategico delineato nel Piano d’Impresa 2018 – 2021 della Divisione Private di Intesa Sanpaolo: diventare una delle prime cinque private bank in Europa e la seconda nell’Eurozona per masse gestite, con l’obiettivo di un flusso di raccolta netta gestita pari a 55 miliardi di euro al 2021″, ha spiegato Paolo Molesini, ad di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking.

A guidare il nuovo hub del private banking internazionale saranno Christian Merle, come Presidente del Consiglio di Amministrazione e Marco Longo, in qualità di Presidente del Comitato Esecutivo. Otto i consiglieri cooptati nel nuovo cda, fra i quali Massimiliano Zanon, componente della famiglia fondatrice del gruppo Morval Vonwiller.

La nuova società, a cui farà riferimento anche la filiale di Londra, proseguirà il percorso di crescita internazionale già avviato da Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking, viene spiegato. Le principali filiali (Ginevra e Lugano) e la rete di private banker a livello internazionale (tra cui il Rep Office in Bahrein e l’Advisory Company a Montevideo), consentiranno di espandere il raggio di azione anche verso Paesi dalle grandi potenzialità, in particolare nel Middle East e nel Sud America.

In Borsa alle ore 10,05 Intesa Sanpaolo segna -0,09% a 1,993 euro, con il Ftse Mib a +0,14%.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura