Sab 20 Aprile 2019 — 13:10

Intesa Sanpaolo, Guzzetti: sosterremo Messina su alleanze internazionali



Per il presidente della Fondazione Cariplo “quando verrà con una proposta la esamineremo, e ho motivo di ritenere che sarà una buona proposta, quindi lo sosterremo fino in fondo”

intesa sanpaolo news

L’ad di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, ha ribadito recentemente che l’istituto non è interessato a fusioni, né in Italia, né all’estero. Almeno per il momento, ma non si possono escludere in futuro, tanto più che i presunti tentativi di Unicredit di realizzare un’aggregazione con Commerzbank o altri istituti europei hanno riacceso i riflettori sulla questione.

“Quando verrà con una proposta la esamineremo, e ho motivo di ritenere che sarà una buona proposta, quindi lo sosterremo fino in fondo”, ha commentato in proposito Giuseppe Guzzetti, presidente della Fondazione Cariplo, interpellato dai cronisti. “Lo deve dire l’ad – ha proseguito Guzzetti – e quando verrà con delle proposte come abbiamo sempre fatto in questi anni, le esamineremo. Noi lo apprezziamo, non per niente è uno dei più importanti banchieri internazionali”.

“Ci soddisfa con dei buoni dividendi – ha aggiunto Guzzetti – e abbiamo sempre più occasione di dire che Intesa è una banca molto avanti dal punto di vista tecnologico. C’è grande soddisfazione e apprezzamento per Messina e i cialtroni che vogliono mettere ombra e zizzania sbagliano destinatario”, ha detto commentando i rumors riportati recentemente da un sito web.

Intanto i fondi di Assogestioni hanno presentato la lista di minoranza per il cda di Intesa Sanpaolo. Candidati per il consiglio di amministrazione sono Daniele Zamboni, Maria Mazzarella e Anna Gatti mentre Alberto Maria Pisani e Corrado Gatti sono le candidature per il cda e per il comitato per il controllo sulla gestione. La lista è stata presentata da un insieme di fondi titolari dell’1,3% del capitale di Intesa Sanpaolo.

carige news 18-04-2019 — 09:54

Carige, piano di Blackrock lacrime e sangue

La taglia dell’aumento di capitale destinata a salire ad almeno 700 milioni, indiscrezioni sul taglio massiccio di filiali ed esuberi. Una call del gestore Usa sulla quota del Fitd

continua la lettura