Dom 19 Settembre 2021 — 06:12

Intesa Sanpaolo, dividendo 2021 in pagamento il 26 maggio



Il cda approva progetto di bilancio, assemblea il 28 aprile. La banca punta a una distribuzione più ampia e articolata, Bce permettendo

intesa sanpaolo dividendo 2021

Intesa Sanpaolo distribuirà il dividendo 2021 in data 26 maggio, previa approvazione della cedola e del bilancio 2020 all’assemblea in calendario il prossimo 28 aprile.

Intesa Sanpaolo, cda approva bilancio 2020

Il cda di Intesa Sanpaolo ha infatti approvato oggi il progetto di bilancio d’esercizio e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2020 che registrano un risultato netto pari a 679 milioni di euro per la Capogruppo (2,137 mld di euro nel 2019, 3,084 mld riesposto per le operazioni societarie intervenute nel 2020) e a 3,277 miliardi a livello consolidato (4,182 miliardi nel 2019).

L’approvazione del progetto di bilancio d’esercizio include quella della proposta di destinazione dell’utile dell’esercizio, che recepisce la proposta già formulata dal cda in occasione dell’approvazione dei risultati. Peraltro, Intesa Sanpaolo punta a una distribuzione di dividendi più ampia e articolata, Bce permettendo.

Intesa Sanpaolo, dividendo 2021 in distribuzione il 26 maggio

Saranno intanto sottoposti all’approvazione dell’assemblea ordinaria, prevista per il prossimo 28 aprile, il bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2020 e la distribuzione cash di 3,57 centesimi di euro per azione, al lordo delle ritenute di legge.

In particolare, la proposta del Consiglio prevede la distribuzione cash di 693.667.539,99 euro, risultante da un importo unitario di 3,57 centesimi di euro per ciascuna delle 19.430.463.305 azioni ordinarie; non verrà peraltro effettuata alcuna distribuzione alle azioni proprie di cui la banca si trovasse eventualmente in possesso alla record date. La distribuzione cash, se approvata dall’assemblea, avrà luogo a partire dal giorno 26 maggio 2021 con data di stacco cedole il 24 maggio e record date il 25 maggio.

unicredit ermotti 17-09-2021 — 10:25

Unicredit e Mps, si apre il capitolo esuberi

La banca milanese invoca le garanzie che furono accordate a Intesa Sanpaolo per le banche venete

continua la lettura