Mer 22 Gennaio 2020 — 13:24

Intesa Sanpaolo, carrellata di nomine nella rete territoriale



Il gruppo annuncia una serie di avvicendamenti che saranno effettivi da gennaio 2020, ricambio ai vertici di diverse direzioni regionali della divisione Banca dei Territori guidata da
Stefano Barrese

intesa bond

Intesa Sanpaolo ha annunciato una carrellata di nomine che saranno effettive a partire dal 2 gennaio 2020, con il ricambio ai vertici di diverse direzioni regionali della divisione Banca dei Territori guidata da
Stefano Barrese, che comprende 3.300 filiali sul territorio nazionale.

Intesa Sanpaolo, nomine su rete territorio

Con queste nomine, spiega Intesa Sanpaolo, “prosegue il percorso di naturale avvicendamento e ricambio generazionale in ruoli di rilievo con la valorizzazione di figure manageriali interne al gruppo”.

Le otto direzioni regionali saranno così ripartite: Teresio Testa, dopo aver guidato la direzione Sales e Marketing Imprese, assumerà la carica di direttore regionale Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria, assumendo il ruolo precedentemente ricoperto da Cristina Balbo, che guiderà, a sua volta, Emilia Romagna e Marche.

Alla guida della direzione regionale Lombardia si insedierà Tito Nocentini, finora a capo di Emilia Romagna, Marche, Abruzzo e Molise.

Gianluigi Venturini sarà il responsabile della direzione regionale Milano e provincia, subentrando a Mauro Federzoni, che lascerà il gruppo per raggiunti limiti di età.

Giuseppe Mario Nargi guiderà, invece, la direzione regionale Campania, Basilicata, Calabria e Puglia sostituendo Francesco Guido che, a sua
volta, lascerà il gruppo sempre per raggiunti limiti di età.

A capo della direzione Lazio, Sardegna e Sicilia resterà Pierluigi Monceri il cui perimetro di responsabilità includerà anche Abruzzo e Molise.

Renzo Simonato manterrà la responsabilità della direzione regionale Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige e Luca Severini quella della direzione regionale Toscana e Umbria.

popolare sondrio caricento 22-01-2020 — 10:43

Popolare Sondrio, è guerra con il fondo Amber

Il fondo, che si è visto bocciare la richiesta di ammissione a socio, non potrà partecipare all’assemblea e denuncia la “violazione della democrazia azionaria”

continua la lettura