Sab 05 Dicembre 2020 — 16:05

Generali, mercato approva nuovo piano con crescita e dividendi



Il gruppo triestino presenta il nuovo piano con utili attesi in crescita e un pay-out per il dividendo tra il 55% e il 65%. L’ad Donnet non esclude operazioni di M&A

Titolo Generali decisamente ben intonato a Piazza Affari nel giorno della presentazione dell’atteso piano strategico al 2021.

Il nuovo business plan prevede innanzitutto un range tra il 6% e l’8% per il tasso annuo composto di crescita (Cagr) dell’utile per azione e un payout per i dividendi tra il 55% e il 65% per il periodo 2019-2021, mentre il ritorno medio sull’equity per gli azionisti è visto superiore all’11,5%.

La compagnia intende rafforzare la leadership in Europa, consolidando la prima posizione calcolata sulla base dei premi lordi sottoscritti a fine 2017 e focalizzarsi sui mercati assicurativi ad alto potenziale, dove il Cagr degli utili nel periodo 2018-2021 viene indicato tra il 15% e il 25%. Inoltre il gruppo assicurativo punta a sviluppare una piattaforma globale di asset management con un Cagr tra il 15% e il 20% per gli utili.

Sul fronte finanziario, Generali punta ad aumentare la generazione di capitale e indica in oltre 10,5 miliardi di euro il dato cumulato attesoal 2021. Analogamente, le rimesse di cassa cumulative verso la holding sono indicate in crescita del 35%. Per quanto riguarda il debito, l’obiettivo è riuscire a ridurlo nell’arco di Piano tra 1,5 e 2 miliardi di euro, con una riduzione annua tra 70 e 140 milioni della spesa per interessi lordi. Le Generali destineranno inoltre circa un miliardo di euro di investimenti per supportare iniziative strategiche interne nell’arco di Piano.

La nuova strategia è “ambiziosa” ma serve per “accelerare la crescita del gruppo e offrire elevati rendimenti e ai nostri azionisti”, ha affermato l’amministratore delegato Philippe Donnet, che al Financial Times ha rivelato la disponibilità delle Generali a investire tra tre e quattro miliardi di euro per la crescita “sia organica sia attraverso acquisizioni” in “mercati già presidiati” o “su nuove piazze”.

In avvio di seduta il titolo del Leone di Trieste mette a segno un rialzo dell’1,62% a 14,39 euro.

mps piano esuberi 04-12-2020 — 11:12

Mps, nel piano industriale almeno 3.000 esuberi

Le indiscrezioni fanno seguito alla nota con cui la banca ha convocato per il prossimo 17 dicembre un cda per delineare il nuovo piano strategico

continua la lettura