Mer 30 Novembre 2022 — 01:45

Fincantieri, da Prysmian nuovo ordine per nave posacavi



Il valore del contratto è pari a circa 200 milioni, prestazioni elevate per velocità, capacità di carico e impatto ambientale

fincantieri prysmian vard

Fincantieri ha ricevuto un ordine da Prysmian, leader mondiale nel settore dei sistemi in cavo per l’energia e le telecomunicazioni, per la progettazione e la costruzione di una seconda nave posacavi all’avanguardia, con consegna prevista nel 2025. Il valore del contratto è pari a circa 200 milioni di euro.

L’unità, che farà seguito alla “Leonardo da Vinci”, consegnata nel 2021, sarà specializzata in attività sottomarine avanzate ed è destinata ad essere la più performante posacavi nel suo mercato di riferimento. La posacavi sarà realizzata interamente dal network produttivo del gruppo Vard, compresi i sistemi principali e gli equipaggiamenti.

Con una lunghezza di circa 170 metri e un’ampiezza di circa 34, la nuova nave ordinata a Fincantieri da Prysmian avrà una forza di traino superiore a 180 tonnellate per operazioni di installazione complesse fino a profondità superiori ai 3.000 metri. Prestazioni di assoluto livello, spiega una nota, quali la capacità di carico e la velocità di navigazione, permetteranno di abbattere gli spostamenti necessari rispetto agli standard odierni, portando alla riduzione delle emissioni di CO2 totali e a una diminuzione di circa il 40% del consumo di carburante. Inoltre, i sistemi propulsivi innovativi ad alta efficienza, tra cui un gruppo batterie da 3 megawatt di potenza, ridurranno dell’85% le emissioni di ossidi di azoto, assolvendo ai più stringenti requisiti ambientali internazionali.

In Borsa alle ore 14,51 le azioni Fincantieri si mettono in evidenza con un +3,93% a 0,5685 euro; Prysmian -0,15% a 32,51 euro.

Borsa italiana oggi 29-11-2022 — 04:01

Borsa Milano oggi incerta, bene assicurativi, Erg positiva al debutto sul Ftse Mib

Azionario in cerca di una direzione dopo un avvio di settimana negativo e mentre si attendono soprattutto le prossime mosse delle banche centrali

continua la lettura