Mer 24 Aprile 2019 — 12:57

Fila crolla, mercato e analisti non apprezzano i conti del 2018



La società ha chiuso il 2018 con conti deludenti anche a causa degli oneri legati all’acquisto di Pacon. Gli analisti tagliano stime e target price ma confermano le raccomandazioni d’acquisto

Fila

Titolo Fila in forte sofferenza a Piazza Affari con il mercato e alcuni analisti che hanno accolto in modo negativo i risultati del 2018.

La società lombarda ha in particolare registrato l’anno scorso un utile netto normalizzato di 27,3 milioni di euro, in calo rispetto ai 29,1 milioni del 2017, per effetto dell’aumento degli ammortamenti e degli oneri finanziari legati all’acquisizione della statunitense Pacon. I ricavi normalizzati della gestione caratteristica sono, invece, aumentati del 18,1% a 602,9 milioni, l’Ebitda del 20,2% a 96,9 milioni e l’Ebit del 17,7% a 71,6 milioni.

La posizione finanziaria a fine dicembre 2018 presentava un indebitamento di 452,8 milioni, in peggioramento rispetto ai 239,6 milioni di un anno prima a causa, tra le altre cose, degli esborsi legati proprio all’acquisto di Pacon.

I risultati sono stati definiti inferiori alle attese da alcuni analisti. Tra questi Banca Akros ha deciso di tagliare le stime per il 2019 e quindi il target price da 21,05 a 17,3 euro ma ha comunque confermato la raccomandazione buy per tener conto dei potenziali benefici determinati dall’operazione con la società statunitense.

Analogamente Equita ha confermato il suo buy ma ha abbassato il prezzo obiettivo da 18,7 a 15,8 euro.

Alle 14,40 le azioni Fila perdono il 4,76% a 12,40 euro.

Eni news 24-04-2019 — 10:53

Eni, primo trimestre previsto in crescita

Il gruppo dovrebbe chiudere i primi tre mesi dell’anno con un utile operativo adjusted di 2,53 miliardi dai 2,38 miliardi del primo trimestre 2018, con il contributo decisivo come sempre dell’esplorazione & produzione

continua la lettura