Mer 23 Gennaio 2019 — 18:26

Fca; mercato scommette su Magneti Marelli, Exane alza rating



Dopo la notizia dell’ingresso di Tiger Global tra i soci rilevanti il mercato torna a scommettere sul gruppo automobilistico in vista anche di possibili novità per la Magneti Marelli. Intanto Exane alza il rating a outperform

Torna sotto i riflettori del mercato il titolo Fca, oggi tra i migliori del Ftse Mib.

Del resto gli investitori sono tornati a scommettere sull’andamento delle azioni seguendo l’esempio di Tiger Global, che ha più che raddoppiato la sua partecipazione ed è arrivato a detenere il 3,85% investendo circa 870 milioni di euro.

L’hedge fund non ha fatto altro che approfittare di un momento favorevole per aumentare il suo investimento a prezzi decisamente contenuti rispetto ai 20 euro raggiunti dalle azioni nei primi mesi dell’anno e quindi posizionarsi su un asset che potrebbe riservare già nel breve termine alcune soddisfazioni, a partire dall’impatto dell’operazione di scorporo o cessione della Magneti Marelli.

Magneti Marelli, valutata più di 5 miliardi, potrebbe infatti creare valore per il gruppo per almeno 3,5 miliardi e quindi rappresentare un fattore di spinta per il titolo.

Sulla società di componentistica ha messo gli occhi da tempo il fondo di private equity Kkr ma si parla anche di altri soggetti interessati. Qualche novità potrebbe emergere nei prossimi giorni, magari in concomitanza con l’annuncio della nuova organizzazione manageriale su cui sta lavorando il nuovo amministratore delegato Mike Manley.

Intanto l’International Trade Commission americana ha aperto un’inchiesta sul gruppo indiano Mahindra & Mahindra, accusato da Fca di replicare con il suo modello Roxor il tipico design Jeep. Notizia che ha dato benzina ieri al titolo quotato a Wall Street.

Alle 10,59 il titolo Fca guadagna il 2,6% a 14,828 euro anche grazie alla decisione di Exane Bnp Paribas di migliorare la raccomandazione da neutrale a outperform con target price a 19,5 euro.
.

Intesa Sanpaolo news 23-01-2019 — 09:34

Intesa Sanpaolo, torna in dubbio la conferma di Gros-Pietro?

Il ruolo del presidente torna in dubbio in vista dell’assemblea di aprile. Uniche certezze sono la conferma di Messina e l’apertura del Cda a esponenti esperti di mercati esteri e fintech

continua la lettura
NOTIZIE CORRELLATEtorna alla sezione