Dom 24 Gennaio 2021 — 00:56

Fca corre in Borsa con rialzo rating Dbrs e Nafta



Questa sera le immatricolazioni italiane di settembre. Intanto il presidente Elkann apre la strada a una famiglia di 500 “verdi” che saranno prodotte in Italia

Fca centra un deciso rimbalzo stamani a Piazza Affari, facendo meglio dell’andamento generale in una giornata di recupero dopo le copiose vendite di venerdì.

Le azioni del gruppo auto beneficiano fra l’altro del giudizio di Dbrs, che ha alzato il rating del gruppo a BB (high) da BB (low), con prospettive stabili.

Dbrs cita il solido rapporto tra utile e generazione di cassa e la consistente riduzione del debito, che ha rafforzato la struttura finanziaria di Fca.

L’agenzia canadese ha anche rivisto il recovery rating sul Senior Unsecured Debt a RR3 da RR4, anche in questo caso con prospettive stabili.

Fca inoltre beneficia inoltre dell’accordo con Canada e Messico per la revisione del Nafta, superando l’impasse degli ultimi mesi. Il gruppo produce 600mila veicoli nei 2 stabilimenti in Canada e altrettanti negli due impianti in Messico, che Fca importa in gran parte negli Usa.

Intanto il presidente di Fca John Elkann in un incontro ieri sera a Torino ha ricordato fra l’altro i progressi sulla guida autonoma. «Tra tutti i costruttori di auto, soltanto Fca ha già un prodotto, la Pacifica Waymo, a guida autonoma. “La nostra partnership con Waymo, che è la società di Google dedicata alle vetture autonome, è in continua evoluzione, tanto che quest’anno abbiamo annunciato la fornitura di altre 62.000 Pacifica ibride, che verranno usate per il primo servizio di robot-taxi al mondo”, ha detto Elkann.

Il presidente di Fca ha inoltre spiegato che il gruppo intende lanciare “una famiglia 500 verde” con motori ibridi ed elettrici. Le 500 “green” saranno prodotte in Italia.

Questa sera a mercato chiuso si conosceranno i dati sulle immatricolazioni italiane di settembre.

In Borsa alle ore 10,27 le azioni Fca scambiano in rialzo del 2,88% a 15,58 euro, con il Ftse Mib a +1,1%.

mps bce 22-01-2021 — 10:48

Mps, spunta l’ipotesi dell’aumento di capitale “a rate”

Un bond subordinato e due tranche successive in capitale: l’operazione consentirebbe al Tesoro maggiore flessibilità rispetto ai nodi degli aiuti di Stato e della riprivatizzazione

continua la lettura