Lun 20 Maggio 2019 — 03:38

Equita conferma l’hold su Mps, il buy su Creval



Gli analisti lasciano intatte le loro valutazioni per tener conto di una serie di aspetti positivi emersi durante un incontro con i responsabili delle due banche

Equita-Mps-Creval

Seduta decisamente negativa per il comparto bancario italiano con numerosi titoli in forte ribasso. Tra questi figurano anche Mps e Creval su cui Equita Sim ha confermato le sue valutazioni per tener conto dell’impatto dell’emissione di prestiti obbligazionari.

Per la banca senese gli analisti si riferiscono, in particolare, al bond subordinato da 750 milioni di euro emesso a gennaio e agli ulteriori 750 milioni di euro da emettere nei prossimi mesi nel quadro degli impegni concordati con le autorità europee in occasione del salvataggio orchestrato dallo Stato.

Equita, dopo un incontro con i responsabili della banca, sottolinea una serie di aspetti rilevanti per Mps come il total capital ratio del 15,2% a fine 2018 a superiore ai target, il calo degli attivi ponderati per il rischio nel quarto trimestre, gli impegni all’emissione dei nuovi bond e la diversificazione dei mix degli strumenti per la raccolta di capitali per un totale di 2 miliardi.

Di conseguenza vengono confermati la raccomandazione hold e il target price di 2,3 euro, mentre su Creval vengono lasciati intatti il consiglio buy e il prezzo obiettivo di 0,11 euro per tener conto di una serie di valutazioni positive. Tra queste figurano le previsioni di crescita del Core Tier 1 nel 2019 anche grazie alla cessione dell’1,3% detenuto in Nexi, le aspettative su un’accelerazione delle operazioni di pulizia del bilancio, il calo dell’esposizione ai titoli di Stato e la possibilità di emissioni di bond garantiti o senior.

Alle 15,05 le azioni Mps perdono l’1,23% a 1,287 euro mentre il titolo Creval segna un ribasso del’1,98% a 0,0644 euro.

telecom tim news 17-05-2019 — 10:15

Tim, gelo di Starace (Enel) su dossier Open Fiber. Primo trimestre atteso in calo

Il numero uno di Enel ha detto che non c’è stata “nessuna sollecitazione formale da parte di Tim per possibili combinazioni, accrocchi e vendite”

continua la lettura