Dom 17 Gennaio 2021 — 03:19

Eni, Saipem e Tenaris festeggiano in Borsa compromesso Opec sul petrolio



L’incremento di produzione non fa paura, ma analisti divisi

opec petrolio

Eni, Saipem e Tenaris in cima al Ftse Mib oggi a Piazza Affari dopo il compromesso raggiunto dall’Opec e i suoi alleati sulla produzione di petrolio. Eni festeggia anche un importante accordo nel settore eolico, all’insegna della diversificazione “green” per il colosso italiano degli idrocarburi.

Opec, petrolio e Borsa reagiscono bene all’incremento della produzione

L’Opec e i Paesi esterni al cartello (il principale dei quali è la Russia) hanno raggiunto un accordo per aumentare la produzione petrolifera di 500.000 barili al giorno da gennaio, rinunciando quindi a estendere il taglio di 7,7 milioni di barili per un altro trimestre.

La decisione è stata comunque interpretata come un segnale di fiducia dal mercato, con moderati acquisti sul greggio.

Le stesse quotazioni del petrolio sui future vedono il Brent questa mattina sopra i 49 dollari, mentre il Wti tratta poco sopra i 46 dollari al barile: per entrambe le qualità di greggio il rialzo è di oltre l’1%.

Ne approfittano così i petroliferi, con nuovi guadagni per Eni, Saipem e Tenaris dopo il verdetto Opec. Secondo gli analisti di Goldman Sachs l’organizzazione nel suo formato Opec+ è stata in grado di superare “l’ostacolo di uscire dai suoi attuali tagli in modo coordinato” rafforzando “la nostra convinzione di un rally costante e sostenibile dei prezzi del petrolio durante il 2021”.

Più cauti gli analisti di Equita, secondo cui nell’Opec+ “esistono forti contrasti con un equilibrio incerto nei prossimi mesi”. Inoltre “a seguito della nomina di Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti, si aggiungono anche i rischi di un ritorno delle forniture iraniane e venezuelane”.

Eni, accordo su eolico in Gran Bretagna

Intanto Eni si rafforza nel campo delle energie rinnovabili, come già auspicato nei giorni scorsi dal suo ceo Claudio Descalzi.

Eni in particolare è entrata nell’eolico offshore nel Regno Unito tramite l’acquisizione del 20% del progetto Dogger Bank (A e B) da Equinor e SSE Renewables. Il progetto prevede l’installazione di 190 turbine di ultima generazione da 13 MW ciascuna a una distanza di oltre 130 km dalle coste britanniche, per una potenza complessiva di 2,4 GW.

A regime, spiega una nota dell’Eni, “Dogger Bank (3,6 GW) sarà il progetto più grande del mondo, in grado di produrre elettricità rinnovabile pari a circa il 5% della domanda del Regno Unito, fornendo energia a circa sei milioni di famiglie”. La costruzione del parco eolico offshore Dogger Bank (A e B) prevede un investimento complessivo di 6 miliardi di sterline.

In tale operazione Eni è stata affiancata da Rbc Europe come exclusive financial advisor, e Bracewell (Uk) in qualità di legal advisor.

In Borsa alle ore 11,45 Eni +2,57% a 8,669 euro; Saipem +3,58% a 2,143 euro; Tenaris +2,19% a 6,804 euro.

Borsa milano 15-01-2021 — 03:18

Borsa Milano in rosso con Prysmian e Saipem, settimana negativa

Scarso entusiasmo sui mercati internazionali per le misure di stimolo annunciate ieri sera dal presidente eletto Usa Biden. Piazza Affari manda in archivio una settimana di realizzi dopo il buon inizio d’anno

continua la lettura