Mer 10 Agosto 2022 — 06:11

Eni lancia il primo bond sustainability-linked del settore



L’emissione obbligazionaria è collegata al
conseguimento di determinati target “verdi”

eni target price

Eni ha lanciato oggi con successo il collocamento del primo bond sustainability-linked del settore oil & gas, con durata di 7 anni, nell’ambito del programma Euro Medium Term Note della società del Cane a sei zampe.

L’emissione, di ammontare 1 miliardo di euro, sarà collegata al conseguimento dei seguenti target: Net Carbon Footprint Upstream (Scope 1 e 2) pari o inferiore a 7,4 MtonCO2eq al 31 dicembre 2024 (-50% rispetto alla baseline del 2018); capacità installata per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili pari o superiore a 5 GW al 31 dicembre 2025.

Il tasso di interesse applicato rimarrà invariato sino alla scadenza del prestito obbligazionario a fronte del raggiungimento dei target sopra riportati.

In caso di mancato raggiungimento di uno dei due target indicati, verrà applicato un meccanismo di step-up con un incremento di 25 bps del tasso di interesse, in linea con quanto previsto nei termini e condizioni dell’emissione.

Venendo ai dettagli del collocamento odierno, le obbligazioni sustainability-linked Eni hanno registrato una domanda intorno ai 3 miliardi.

Il titolo ha spuntato un prezzo di re-offer di 99,855% e paga una cedola annua dello 0,375%

L’emissione del bond Eni avviene in esecuzione di quanto deliberato dal consiglio di amministrazione il 23 aprile 2020 ed è volta a finanziare i futuri fabbisogni del gruppo e a mantenere una struttura finanziaria equilibrata.

Per l’emissione delle obbligazioni, Eni si è avvalsa di un sindacato di banche composto da Bnp Paribas, BofA Securities, Crédit Agricole Cib, Goldman Sachs International, JP Morgan, Morgan Stanley e UniCredit che agiranno come joint lead manager.

In Borsa le azioni Eni hanno chiuso con un +0,71% a 10,454 euro.

carige tribunale di genova 09-08-2022 — 02:46

Carige Bper, il Tribunale di Genova si riserva su impugnazione Malacalza

Si aprono due scenari, la sospensione delle delibere di giugno farebbe slittare la fusione. In gioco anche mezzo miliardo di benefici fiscali derivanti dall’operazione

continua la lettura