Mer 18 Settembre 2019 — 12:11

Eni, in Norvegia punta ad asset di Exxon Mobil per 4,2 miliardi



Lo scrive la stampa locale, indicando che un accordo tra Var Energi (joint venture di cui Eni detiene quasi il 70%) e il colosso petrolifero americano potrebbe essere siglato entro fine mese

eni norvegia

Eni punta ad asset di Exxon Mobil in Norvegia per 4,2 miliardi di dollari. Lo scrive la stampa locale, indicando che un accordo tra Var Energi (joint venture creata nel 2018 di cui Eni detiene quasi il 70%) e il colosso petrolifero americano potrebbe essere siglato entro fine mese.

Eni, accordo con Exxon Mobil in Norvegia?

La cessione degli asset norvegesi di Exxon Mobil alla società mista (Eni al 69,6% con il gruppo d’investimento HitecVision titolare del restante 30,4%) consentirebbe a Var Energi di diventare il numero due in Norvegia, dopo Equinor, con una produzione di 300-350.000 barili giornalieri.

Exxon uscirebbe invece dal Paese dopo oltre un secolo.

Il portafoglio che sarebbe ceduto comprende quote di minoranza in una ventina di progetti oil & gas operati da Equinor e Royal Dutch Shell.

Analisti: un’opportunità per Eni

Secondo gli analisti di Mediobanca, che commentano i rumors di stampa, l’eventuale accordo consentirebbe “di monetizzare in parte il proprio investimento azionario in Var Energi”. Il broker intanto conferma la sua raccomandazione outperform sul titolo con un target price di 20,5 euro.

Var Energi attualmente detiene interessi in oltre 100 licenze nell’offshore norvegese e opera produzione su tutta la piattaforma continentale del Paese scandinavo. La compagnia ha una organizzazione con 800 dipendenti. La produzione equity attuale è di circa 160.000 barili di olio equivalente al giorno.

In Borsa intanto le azioni Eni consolidano oggi assieme al prezzo del greggio, stabile dopo i rialzi dei giorni scorsi: alle ore 10,28 il titolo segna -0,69% a 13,772 euro.

Del Vecchio mediobanca generali 18-09-2019 — 10:59

Mediobanca: Del Vecchio si prende quota del 7%, obiettivo Generali?

Piazzetta Cuccia torna sotto i riflettori assieme alla catena che la lega al gruppo assicurativo di Trieste

continua la lettura