Gio 02 Aprile 2020 — 01:24

Eni, analisti di Bernstein dimezzano il target price



La raccomandazione passa da outperform a market-perform, fra le “molte incertezze” per il settore anche la guerra dei prezzi

eni target price

Azioni Eni nel tritacarne delle vendite a Piazza Affari in un vero e proprio lunedì nero seguito alla nuova emergenza coronavirus in Italia e al mancato accordo tra Opec e Russia sul taglio della produzione di petrolio. Sul titolo del colosso petrolifero italiano pesa anche un report di Bernstein che ha tagliato la raccomandazione e praticamente dimezzato il target price.

Eni, target price di Bernstein scende a 11 euro

Più in dettaglio, Bernstein Research ha declassato Eni da outperform a market-perform e ha ridotto il target price da 20 a 11 euro (un prezzo obiettivo comunque al di sopra degli odierni livelli).

Secondo il broker americano, ora più prudente sul settore petrolifero europeo, ci sono “molte incertezze” a pesare sul comparto. Incognite che riguardano la crescita economica globale, la domanda di petrolio colpita dall’emergenza Covid-19 “e ora anche le intenzioni di offerta dell’Opec”.

Bernstein si aggiunge a una schiera di broker che la scorsa settimana aveva rivisto i target su Eni, pur confermando le rispettive raccomandazioni.

Guerra di prezzi

Giovedì scorso l’Opec aveva proposto un taglio complessivo di 1,5 milioni di barili per fronteggiare il crollo della domanda dovuto all’impatto del coronavirus. Il giorno seguente tuttavia la Russia aveva respinto l’accordo nel quadro del tavolo allargato Opec+.

L’Arabia Saudita, che guida l’Opec, avrebbe così deciso a sua volta di aumentare la produzione, innescando una guerra dei prezzi, e affossando le quotazioni del greggio sui mercati.

Nella notte durante la seduta asiatica si è registrato un crollo del 30% delle quotazioni del petrolio. A metà giornata il Brent scambia a 35 dollari al barile e il Wti a 32 dollari, entrambi in calo di circa il 22%.

In Borsa a Milano le azioni alle ore 13,38 segnano -18,65% a 8,325 euro. Solo Saipem fa peggio (-20%) mentre il Ftse Mib lascia sul terreno oltre il 10%

unipol mediobanca 01-04-2020 — 02:47

Sorprese Consob: Unipol in Mediobanca e la Cina su Eni

Le partecipazioni emergono in virtù delle nuove soglie fissate all’1% (dal 3%) per le società a maggior capitalizzazione e al 3% (dal 5%) per quelle minori

continua la lettura