Lun 20 Maggio 2019 — 03:34

Eni annuncia il Piano al 2022. Aumentano le cedole e il buy-back



La multinazionale presenta il nuovo piano e annuncia un miglioramento della politica di remunerazione degli azionisti con un aumento dei dividendi e del programma di buy-back

Eni news

Eni accelera al rialzo in scia alla presentazione delle linee guida del Piano Strategico 2019-2022.

“Nel corso degli ultimi cinque anni – ha affermato l’amministratore delegato Claudio Descalzi – abbiamo messo in atto una strategia di trasformazione ideata con lo scopo di rafforzare il nostro modello di business riducendo drasticamente il debito, aumentando la produzione e trovando nuovi modi per differenziare la nostra compagnia. Abbiamo costruito una nuova Eni fondata sull’efficienza, l’integrazione e l’impiego di nuove tecnologie. Rafforzeremo e diversificheremo ulteriormente il nostro portafoglio in bacini a basso costo ma ad alto potenziale, continueremo a perseguire ulteriori opportunità lungo la catena del valore, e cresceremo nelle rinnovabili e nei biocarburanti facendo di Eni una società più profittevole”.

“Siamo fortemente impegnati a lavorare per un futuro a basse emissioni e oggi stiamo fissando un nuovo obiettivo, vale a dire raggiungere la neutralità carbonica nel settore upstream entro il 2030. Creare valore per gli azionisti rimane la nostra principale priorità, e per questo abbiamo deciso di annunciare l’aumento del dividendo 2019 del 3,6% a 0,86 euro per azione, in linea con la nostra politica di remunerazione progressiva. Inoltre, daremo il via a un programma quadriennale di buyback che prevede, nel 2019, un ammontare di 400 milioni di euro, mentre per i tre anni successivi, assumendo un leverage stabilmente inferiore al 20%, un ammontare annuale di 400 milioni di euro in uno scenario di Brent a 60-65 dollari, oppure 800 milioni di euro con un prezzo del Brent superiore a 65 dollari al barile”, ha aggiunto Descalzi.

In particolare nell’Upstream Eni punta produrre 2,5 mld di barili di olio equivalente di nuove risorse perforando 140 pozzi esplorativi, a raggiungere il break even dei nuovi progetti con un Brent a 25 dollari e a conseguire un Free Cash Flow cumulato di 22 miliardi.

Nel segmento mid-downstream si prevede di più che raddoppiare l’utile operativo a 2 miliardi e di raggiungere un Free Cash Flow di circa 5 miliardi. “Grazie all’acquisizione del 20% della raffineria di Ruwais negli Emirati Arabi Uniti, un impianto top-class a livello mondiale, abbiamo rafforzato il nostro business della raffinazione. Questa acquisizione ci ha consentito di aumentare la nostra capacità globale di raffinazione del 35%, e del 40% nel 2023, portando il breakeven del margine di raffinazione a 1,5 dollari al barile. Il GNL giocherà un ruolo cruciale nella nostra crescita futura e ci aspettiamo di raggiungere 14 milioni di tonnellate all’anno (MTPA)di volumi contrattualizzati entro il 2022 e 16 MTPA entro il 2025”, ha spiegato Descalzi. Nella Chimica, contiamo di rafforzare il business e di essere maggiormente resilienti facendo leva sulla differenziazione del portafoglio per aumentare i nostri margini”.

Nel campo delle rinnovabili Eni intende incrementare la sua presenza per arrivare a superare gli
1,6 GW di capacità installata al 2022 e i 5 GW entro il 2025 anche grazie a spese in conto capitale da 1,4 miliardi. Nel complesso il Capex sarà di 33 miliardi, di cui 8 nel solo 2019.

Alle 11,52 le azioni della multinazionale petrolifera mettono a segno un rialzo dell’1,54% a 15,778 euro.

telecom tim news 17-05-2019 — 10:15

Tim, gelo di Starace (Enel) su dossier Open Fiber. Primo trimestre atteso in calo

Il numero uno di Enel ha detto che non c’è stata “nessuna sollecitazione formale da parte di Tim per possibili combinazioni, accrocchi e vendite”

continua la lettura