Dom 19 Settembre 2021 — 07:17

Dividendi banche, Bce apre con paletti fino al 30 settembre 2021



La principale raccomandazione è che dividendi e buyback non superino il livello più basso tra “il 15% degli utili cumulati 2019-20 e i 20 punti base in termini di Cet1”

bce previsioni

Dividendi banche, Bce apre ma raccomanda estrema prudenza e fissa alcuni paletti. Questa la decisione maturata dal Consiglio di vigilanza e resa nota questa sera.

La decisione della Bce su dividendi e buyback interessa anche le banche italiane che si sono viste congelare le cedole a partire da marzo 2020, durante la prima ondata del Covid-19. Fra gli istituti che puntano maggiormente sulla remunerazione figurano Intesa Sanpaolo e Unicredit, ma anche Banco Bpm, Bper e Credem, fra le altre, ma non Mps che ha i conti in rosso.

La Bce chiede alle banche della zona euro di “evitare o limitare la distribuzione di dividendi fino al 30 settembre 2021”.

Quanto al limite a dividendi e buyback delle banche, la Bce afferma che “vista la persistente incertezza sull’impatto economico della pandemia di coronavirus”, la raccomandazione è che dividendi e buyback non superino il livello più basso tra “il 15% degli utili cumulati 2019-20 e i 20 punti base in termini di Cet1”.

Le banche che intendono comunque effettuare queste distribuzioni ai soci devono essere “redditizie e avere solide traiettorie patrimoniali e dovranno contattare il joint supervisory team per valutare se il livello di distribuzione previsto sia prudente”.

La Bce inoltre precisa che le banche dovranno astenersi dal pagare acconti di dividendo sugli utili 2021.

unicredit ermotti 17-09-2021 — 10:25

Unicredit e Mps, si apre il capitolo esuberi

La banca milanese invoca le garanzie che furono accordate a Intesa Sanpaolo per le banche venete

continua la lettura