Dom 26 Settembre 2021 — 02:19

Diasorin si rafforza negli Usa con l’acquisizione di Luminex



Operazione da 1,8 miliardi di dollari, finanziamento da un pool di banche. Con questa mossa il gruppo si “garantisce l’accesso alla tecnologia multiplexing e a soluzioni di diagnostica molecolare caratterizzate da pannelli di test esclusivi”

Diasorin luminex

Diasorin si rafforza negli Usa con l’acquisizione di Luminex Corporation, una quotata del Nasdaq, per un prezzo in contanti di 37 dollari per azione, pari a un equity value e a un enterprise value di circa 1,8 miliardi di dollari. L’annuncio è arrivato domenica sera.

Diasorin annuncia acquisizione di Luminex

Con questa mossa di M&A Diasorin si garantisce l’accesso alla tecnologia multiplexing di Luminex e alle sue soluzioni di diagnostica molecolare caratterizzate da pannelli di test esclusivi, spiega il gruppo.

Il prezzo per azione concordato rappresenta un premio di circa il 23,1% rispetto al prezzo di chiusura c.d. unaffected al 24 febbraio 2021 (ossia il giorno precedente a quando sono trapelate indiscrezioni riguardanti l’eventuale vendita di Luminex) e a un premio di circa il 30,6% e di circa il 47,5% rispetto al prezzo medio ponderato sui volumi per il periodo rispettivamente di 30 e 90 giorni precedenti al 24 febbraio 2021.

Luminex sviluppa, produce e vende tecnologie proprietarie e prodotti per esami biologici con varie applicazioni nei
settori della diagnostica e del life science. Con più di 900 clienti attivi, è leader nel mercato della diagnostica molecolare multiplexing, settore con la crescita più rapida nel mercato della diagnostica molecolare, viene spiegato.

Il ceo Carlo Rosa: più fori negli Usa

Il ceo Carlo Rosa ha spiegato che “Luminex è perfettamente in linea con la nostra strategia e con la volontà di rafforzare il nostro posizionamento nella diagnostica molecolare, di espandere la nostra presenza nel mercato statunitense e di creare ulteriore valore fornendo soluzioni al settore life science”.

In seguito all’acquisizione, il fatturato consolidato su base combined per il 2020 sarebbe di circa 1,25 miliardi di euro, l’adjusted Ebitda di circa 472 milioni e la posizione finanziaria netta positiva per circa 335 milioni, spiega in una nota il gruppo della diagnostica.

Il perfezionamento dell’acquisizione di Luminex da parte di Diasorin è previsto entro il terzo trimestre del 2021 ed è soggetto all’approvazione dell’assemblea degli azionisti di Luminex e ad altre condizioni, tra cui le clearance previste dalla normativa antitrust e CFIUS.

Diasorin, finanziamento dalle banche

L’operazione verrà finanziata attraverso un mix di cassa e debito. In particolare, DiaSorin ha firmato in data odierna un Senior Facilities Agreement con un sindacato di banche (che include Bnp Paribas, Citi, Mediobanca e UniCredit) che prevede un term loan di 1,1 miliardi di dollari con scadenza nel 2026 e un bridge loan di 500 milioni di dollari con scadenza entro 12 mesi, con opzione di estensione (esercitabile a discrezione di DiaSorin) per ulteriori 12 mesi. Con riferimento al bridge loan, la societàvaluterà diverse opzioni di rifinanziamento.

Sinergie

A seguito dell’operazione il leverage ratio è stimato in circa 2,5 volte, mentre è previsto che “tale livello diminuisca rapidamente grazie alla generazione di cassa della combined entity”. L’utile per azione di Diasorin è previsto incrementare immediatamente a seguito del perfezionamento dell’operazione, con “un attraente profilo di ritorno sul capitale investito”. Si prevede che l’operazione possa generare sinergie di costo pari a circa 55 milioni entro 3 anni dal perfezionamento della stessa.

Diasorin-Luminex, gli advisor in campo

Da segnalare il folto team di advisor. Morgan Stanley & Co. International plc ricopre il ruolo di principale advisor finanziario per Diasorin, con Cravath Swaine & Moore LLP e Pedersoli Studio Legale nel ruolo di consulenti legali. Perella Weinberg Partners è advisor finanziario per Luminex e DLA Piper consulente legale. Mediobanca ha fornito una fairness opinion al Consiglio di Amministrazione di Diasorin.

Citigroup ricopre il ruolo di advisor finanziario per Diasorin. Citibank ricopre inoltre il ruolo di bookrunner e mandated lead arranger per il Senior Facilities Agreement da 1,6 miliardi. Bnp Paribas Italian Branch, Mediobanca e UniCredit sono inoltre bookrunner e mandated lead arranger per il SFA; Mediobanca è agent. Sempre in relazione al SFA, Cravath Swaine & Moore, Pedersoli Studio Legale e Slaughter and May hanno agito quali consulenti legali di Diasorin mentre Clifford Chance ha agito quale advisor legale delle banche finanziatrici.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura