Dom 19 Settembre 2021 — 07:16

Dbag apre in Italia, il private equity tedesco punta a investimenti per 300 milioni



L’anno scorso, il gruppo quotato a Francoforte ha finalizzato il suo primo investimento diretto in una società italiana, seguito più recentemente da un’altra importante operazione

Deutsche Beteiligungs Ag (Dbag) apre un ufficio in Italia a Milano “con l’obiettivo di presidiare in maniera diretta il mercato italiano e compie un importante e ulteriore passo nello sviluppo della sua strategia di investimento”. E’ quanto si legge in una nota.

Il team di investimento della filiale Dbag Italia selezionerà e strutturerà opportunità di investimento per i fondi Dbag, supportando l’ulteriore sviluppo delle società in portafoglio. L’anno scorso, il gruppo basato in Germania ha finalizzato il suo primo investimento diretto in una società italiana, seguito più recentemente da un’altra importante operazione di investimento (vedi più sotto nell’articolo). In futuro, fino a un quarto del volume del fondo Dbag Fund VIII verrà destinato a investimenti in Italia. Si tratta di un ammontare che, sulla base delle dimensioni del fondo, il più recente veicolo di private equity gestito dal gruppo, equivarrebbe a 300 milioni di euro.

A guidare Dbag Italia, con la qualifica di Partner, sarà Giovanni Revoltella (nella foto). Il manager, 43 anni, da oltre 15 anni si occupa di investimenti in aziende di medie dimensioni in Italia e in altri paesi europei – in precedenza in Argan Capital con sede a Londra, e più recentemente come partner e co-responsabile del settore industriale e tecnologico di Capvis, con sede in Svizzera.

In qualità di Senior Advisor, Antonio Corbani, 61 anni, con oltre 25 anni di esperienza di investimento nell’acquisizione e nello sviluppo di aziende italiane di medie dimensioni, continuerà a supportare Dbag.

Deutsche Beteiligungs, quotata alla Borsa di Francoforte, opera attraverso fondi di private equity chiusi e investe, insieme a questi fondi, prevalentemente in aziende di medie dimensioni ben posizionate sul mercato e con potenziale di sviluppo. Per molti anni, Dbag si è concentrata sui settori industriali. Una parte crescente degli investimenti azionari del gruppo è ora impiegata nei settori in crescita della banda larga/telecomunicazioni, servizi IT/software e sanità. Il suo approccio di investimento imprenditoriale a lungo termine e di valore fa di Dbag il partner di riferimento per gli investimenti nei mercati di lingua tedesca. Le masse in gestione del gruppo Dlammontano a 2,6 miliardi di euro.

“L’Italia, con il suo eterogeneo settore industriale di lunga tradizione e di successo, è un mercato attraente in cui non vediamo l’ora di fornire il nostro contributo grazie alla nostra esperienza di oltre 50 anni negli investimenti”, ha commentato Tom Alzin, membro del Management Board di Dbag.

L’Italia è il secondo paese più industrializzato dell’Unione Europea e, come in Germania, l’industria manifatturiera rappresenta la spina dorsale dell’economia. Tale settore, viene fatto osservare è fortemente orientato all’esportazione e strettamente interconnesso con la Germania, paese che è anche il più importante cliente delle aziende tricolori. Le realtà industriali italiane rappresentano dei punti di riferimento a livello internazionale in molte applicazioni di fascia alta a cui Dbag intende estendere il suo sostegno. Il settore di esportazione più importante per l’Italia è l’ingegneria meccanica e impiantistica, uno dei comparti chiave in cui DBAG ha sviluppato con successo un gran numero di aziende negli ultimi decenni.

“Un focus settoriale in linea con l’evoluzione del mercato, anni di esperienza con aziende familiari di medie dimensioni e un network di relazioni consolidate nel tempo – questi sono i giusti presupposti per la nostra strategia in Italia”, ha commentato Giovanni Revoltella. “Come società quotata, DBAG può inoltre fare investimenti con un orizzonte di investimento più lungo rispetto ai tradizionali fondi di private equity. Questo amplia la nostra gamma di soluzioni di equity per le aziende italiane”.

Nel settembre 2020, il gruppo tedesco ha investito attraverso il Dbag Fund VII in PM Plastic Materials s.r.l., il più grande produttore europeo di tubi in materiale plastico vuoti e pre-infilati, utilizzati principalmente per impianti elettrici. Dbag e il fondo hanno acquisito la maggioranza delle azioni dalla famiglia fondatrice, con i vertici aziendali anch’essi azionisti, assicurando continuità per l’azienda. Il 16 agosto, Dbag ha annunciato che, insieme allo stesso fondo investirà in Itelyum, un player leader europeo dell’economia circolare, specializzato nel riciclaggio dei flussi complessi di rifiuti liquidi pericolosi, con un fatturato 2020 di 352 milioni di euro.

unicredit ermotti 17-09-2021 — 10:25

Unicredit e Mps, si apre il capitolo esuberi

La banca milanese invoca le garanzie che furono accordate a Intesa Sanpaolo per le banche venete

continua la lettura