Ven 23 Aprile 2021 — 07:18

Creval-Crédit Agricole, via libera Bce all’opa



La banca francese acquisterà il 5,38% in mano ad Algebris anche in caso di fallimento dell’offerta, in base a una modifica all’accordo con il fondo di Davide Serra

creval azione di responsabilità

Creval sotto i riflettori dopo che Bce e Banca d’Italia hanno autorizzato l’opa lanciata da Crédit Agricole.

I francesi, che agiscono tramite Crédit Agricole Italia, sono autorizzati a superare il 10% del Credito Valtellinese.

Inoltre Credit Agricole acquisterà il 5,38% in mano ad Algebris anche in caso di fallimento dell’offerta, in base a una modifica all’accordo firmato in precedenza con il fondo di Davide Serra.

Algebris si è impegnata a far sì che i fondi da essa gestiti “qualora l’offerta non andasse a buon fine, vendano le medesime azioni Creval per un corrispettivo pari al prezzo dell’offerta, il quinto giorno di mercato aperto successivo alla data ultima del periodo di adesione all’offerta”, a meno che il prezzo ufficiale dell’azione Creval il giorno precedente sia superiore al prezzo dell’offerta, nel qual caso Crédit Agricole pagherà le azioni a prezzo di mercato.

Questo mentre cresce il fronte dei soci Creval che si oppongono a un’opa al prezzo di 10,50 euro, considerato insufficiente.

Quanto al via libera della vigilanza, “con riferimento all’offerta pubblica di acquisto volontaria totalitaria avente ad oggetto le azioni ordinarie della Banca Piccolo Credito Valtellinese si legge in una nota – l’Offerente rende noto che in data 16 marzo la Banca Centrale Europea e la Banca d’Italia, ciascuna per quanto di competenza, hanno notificato all’Offerente le autorizzazioni relative a: il superamento della soglia del 10% nel capitale sociale del CreVal; e l’acquisto di una partecipazione di controllo diretto nel CreVal e l’acquisto di partecipazioni qualificate indirette in CreVal PiùFactor e in Generalfinance”.

Si attende ora la decisione della Consob.

In Borsa alle ore 9,26 le azioni Credito Valtellinese segnano -1% a 12,044 euro.

22-04-2021 — 10:06

Credit Suisse chiude trimestre in profondo rosso dopo caso Archegos

La perdita è meno forte delle attese, ma il regolatore apre un’indagine. Via a due bond convertibili. Il titolo perde terreno sulla Borsa di Zurigo

continua la lettura