Gio 02 Aprile 2020 — 01:43

Coronavirus, arrivano i 100 milioni di Intesa Sanpaolo promessi da Messina



Siglato un Protocollo di collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile al fine di regolare la donazione

Coronavirus intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo ha ufficializzato la maxi donazione da 100 milioni di euro per la lotta al coronavirus attraverso un accordo con la Protezione Civile. La misura, fra le prime a essere in campo subito dopo l’avvio dell’emergenza, era stata anticipata dal ceo Carlo Messina in un’intervista al Corriere, e aveva ricevuto il plauso di altri manager di società quotate.

Coronavirus, Intesa Sanpaolo dona 100 milioni

Intesa Sanpaolo, informa una nota, al fine di regolare la donazione di 100 milioni destinati a sostenere prioritarie attività per far fronte all’emergenza sanitaria, ha siglato un Protocollo di collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e con il Commissario Straordinario per il contenimento e il contrasto dell’emergenza Covid-19.

Il contributo sarà utilizzato prima di tutto, ma non solo, per il rafforzamento strutturale permanente degli enti del servizio sanitario nazionale chiamati ad affrontare l’emergenza di oggi e di quelle future, in particolare per contribuire all’incremento di 2.500 nuovi posti letto di terapia intensiva.

Messina: emergenza senza precedenti

“L’Italia – spiega Carlo Messina – si è trovata improvvisamente a far fronte a un’emergenza sanitaria senza precedenti e deve rafforzare rapidamente e in maniera significativa i presidi medici sul territorio. E’ questo l’obiettivo al quale Intesa Sanpaolo vuole concorrere con la donazione di 100 milioni di euro, mettendo a disposizione la nostra solidità economica”.

Il Protocollo prevede che ciascun versamento del contributo sia effettuato direttamente presso un conto corrente della Protezione Civile dedicato in via esclusiva alla raccolta ed utilizzo delle donazioni di Intesa Sanpaolo.

unipol mediobanca 01-04-2020 — 02:47

Sorprese Consob: Unipol in Mediobanca e la Cina su Eni

Le partecipazioni emergono in virtù delle nuove soglie fissate all’1% (dal 3%) per le società a maggior capitalizzazione e al 3% (dal 5%) per quelle minori

continua la lettura