Lun 19 Agosto 2019 — 23:41

Cnh sbanda sulla scia di Caterpillar



La multinazionale americana lancia segnali negativi per il 2019 e l’intero comparto dei capital goods ne paga le conseguenze

Cnh-Caterpillar

Cnh è il peggior titolo del Ftse Mib quando mancano poche ore alla chiusura delle contrattazioni. Le azioni pagano il colpo da ko inferto da Caterpillar, la multinazionale statunitense delle macchine per le costruzioni e la cantieristica.

In particolare la società statunitense ha pubblicato dati inferiori alla attese per il quarto trimestre del 2018. L’utile netto si è attestato a 1,048 miliardi di dollari, a fronte della perdita di 1,299 miliardi di un anno fa, per un Eps passato da un rosso di 2,18 dollari a un nero di 1,78. Tuttavia l’utile per azione, al netto di numerose componente straordinarie, si è attestato a 1,78 dollari, ben al di sotto dei 2,98 dollari del consenso. I ricavi, invece, sono saliti da 12,9 miliardi a 14,3 miliardi, in linea con le aspettative del mercato.

A deludere sono state anche le indicazioni sul 2019. Caterpillar prevede un Eps tra 11,75 e 12,75 dollari, con un punto medio inferiore ai 12,73 dollari del consenso. Non solo. L’amministratore delegato Jim Umpleby ha messo in preventivo una crescita delle vendite solo “modesta” per l’intero anno.

Il titolo della multinazionale statunitense ha imboccato la strada del ribasso nelle fasi di pre-mercato a Wall Street arrivando a segnare una perdita di quasi il 4% e molti titoli del settore dei capital goods ne hanno risentito negativamente. Alle 14,59 le azioni Cnh perdono il 2,12% a 8,77 euro.