Mar 07 Febbraio 2023 — 03:12

Cloud nazionale: Tim e Cdp tornano in gioco



La cordata italiana pronta a pareggiare l’offerta targata Fastweb-Aruba

telecom tim

Novità in vista nella gara per il Cloud nazionale, sviluppi che dovrebbero concretizzarsi entro l’ultimo giorno utile, giovedì 7 luglio, con la cordata formata da Cdp Equity, Leonardo, Sogei e Tim pronta a pareggiare l’offerta presentata da Fastweb e Aruba.

L’offerta per il Cloud nazionale targata Fastweb-Aruba, che si appoggia all’infrastruttura tecnologica di Amazon, si era infatti aggiudicata il primo round del maxi-appalto. Tuttavia, secondo quanto riporta oggi MF-Milano Finanza, la cordata che annovera Tim si appresterebbe a pareggiarla, come prevede il regolamento.

Fastweb-Aruba si è aggiudicata l’offerta grazie a punteggi migliori nella parte tecnologica e a un vantaggio per lo Stato in quella economica: lo sconto offerto è stato del 39,19%, mentre la cordata italiana ne aveva proposto uno del 23,36%. In sostanza Fastweb ha chiesto 2,7-2,8 miliardi per coprire dieci anni di servizio cloud allo Stato italiano. La cordata Tim-Cdp- Leonardo-Sogei chiedeva 3,37 miliardi.

Il bando per il Polo Strategico Nazionale (Psn) prevedeva però un diritto di prelazione, alle stesse condizioni del soggetto aggiudicatario, che poteva essere esercitato dal soggetto promotore entro 15 giorni dall’aggiudicazione per pareggiare l’offerta economica e le caratteristiche tecniche del Cloud nazionale. Ed è proprio questa la strada che, secondo le indiscrezioni di stampa, sarà imboccata dalla cordata composta da Cdp Equity e Tim.

Intanto cresce l’attesa per il nuovo piano industriale Tim che il gruppo guidato da Pietro Labriola presenterà proprio il 7 luglio a Roma.

In Borsa il titolo si conferma ben intonato: alle ore 9,21 le azioni Telecom Italia segnano +1,07% a 0,2648 euro, con il Ftse Mib in rialzo di circa mezzo punto percentuale.

intesa sanpaolo raccomandazioni 06-02-2023 — 03:45

Intesa, raccomandazioni aggiornate dopo i conti 2022

Carrellata di nuovi giudizi e target price in scia a risultati e dividendo giudicati migliori delle attese

continua la lettura