Mer 28 Settembre 2022 — 02:05

Carige Bper, il Tribunale di Genova si riserva su impugnazione Malacalza



Si aprono due scenari, la sospensione delle delibere di giugno farebbe slittare la fusione. In gioco anche mezzo miliardo di benefici fiscali derivanti dall’operazione

carige tribunale di genova

Il Tribunale di Genova si è riservato sull’istanza di Malacalza Investimenti che aveva impugnato la delibera dell’assemblea di Banca Carige dello scorso 15 giugno.

Carige, Tribunale di Genova

L’assemblea di giugno ha nominato il cda e rinunciato con una transazione alle azioni di responsabilità nei confronti dell’ex presidente, Cesare Castelbarco Albani, e dell’ex ad Piero Luigi Montani, che è l’amministratore delegato di Bper, acquirente dell’istituto ligure.

A fine luglio il Tribunale aveva sospeso l’esecutività della delibera rinviando all’udienza di oggi. Le parti hanno spiegato le loro ragioni e dovranno depositare nei prossimi giorni le conclusioni scritte. La decisione arriverà nei prossimi giorni.

Il decreto del Tribunale di Genova di luglio era stato adottato inaudita altera parte – ai sensi dell’articolo 2378, comma 3, del codice civile, che consente la sospensione in caso “di eccezionale e motivata urgenza” – su ricorso di Malacalza Investimenti, la holding della famiglia Malacalza che aveva sostenuto le azioni di responsabilità e che aveva impugnato le delibere. Carige aveva ribadito la legittimità delle decisioni dell’assemblea.

Carige Bper, due scenari

Sono due gli scenari che si aprono per  Carige. Il giudice Paolo Gibelli potrebbe rigettare l’istanza di annullamento: a quel punto il consiglio di amministrazione dell’istituto ligure sarebbe riconosciuto come legittimo permettendo l’immediata ripresa dell’operatività. Il board sarebbe quindi convocato in tempi stretti per l’approvazione dei conti al 30 giugno 2022 e del progetto di fusione con Bper. Malacalza Investimenti potrebbe fare reclamo sempre al Tribunale di Genova che però non sospenderebbe l’operatività del cda. Il secondo scenario, e cioè l’accoglimento della sospensione delle delibere di giugno, farebbe slittare la fusione, anche se di poco più di un mese.

Con l’annullamento della nomina gli azionisti dovrebbero procedere alla convocazione di una nuova assemblea e alla nomina di un nuovo consiglio di amministrazione in tempi stretti per consentire di rispettare il termine del 31 dicembre, oltre il quale Bper perderebbe il mezzo miliardo di benefici fiscali riservati all’operazione. Il nuovo cda, in questo secondo scenario, riprenderebbe in mano la semestrale e la fusione.

Soci Carige

L’ad di Bper Montani incontrando recentemente gli analisti si è detto comunque ottimista sulla possibilità di chiudere l’operazione entro l’anno.

Intanto nelle ultime ore è arrivato un nuovo esposto alla Consob (il terzo) da parte dell’associazione Voce degli azionisti, guidata da Franco Corti, secondo cui Bper avrebbe fornito informazioni non complete relativamente all’opa sull’istituto genovese, che il gruppo di piccoli soci mette in discussione.

In Borsa le azioni Bper resistono a questi venti contrari e, sebbene in frenata dai massimi di seduta, alle ore 14,45 segnano +1,89% a 1,6405 euro.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura