Mer 24 Aprile 2019 — 12:58

Carige, la Bce avvia il commissariamento: ecco cosa cambia



L’Eurotower ha preso il provvedimento dopo le dimissioni di diversi consiglieri, tra cui Modiano e Innocenzi, che hanno fatto decadere il Cda

Carige

La Bce ha deciso di avviare Carige sulla strada del commissariamento dopo lo stop all’aumento di capitale da 400 milioni di euro.

Si tratta di una delle decisioni rilevanti annunciate stamattina dalla Consob nel provvedimento di sospensione dagli scambi. Il primo annuncio importante è stato quello sulla decisione di Pietro Modiano, Fabio Innocenzi, Salvatore Bragantini, Bruno Pavesi e Lucia Calvosa di presentare le proprie dimissioni dall’incarico di membri del consiglio di amministrazione e dai rispettivi ruoli amministrativi. Con le dimissioni è venuta meno la maggioranza degli amministratori in carica e pertanto l’intero consiglio di amministrazione deve intendersi decaduto.

Subito dopo è stato diffuso il comunicato sull’amministrazione straordinaria disposta dalla Bce con la nomina quali commissari di Fabio Innocenzi, Pietro Modiano e Raffaele Lener. Francoforte ha inoltre nominato un Comitato di Sorveglianza composto da Gian Luca Brancadoro, Andrea Guaccero e Alessandro Zanotti.

Il provvedimento, conseguente alle dimissioni della maggioranza dei membri del Consiglio di Amministrazione, prevede ora che i tre commissari procedano con determinate attività, tra cui il rafforzamento patrimoniale, l’ulteriore pulizia del bilancio e la ricerca di un partner d’aggregazione. Fra le ipotesi, ricordiamo, un matrimonio con Unicredit, mentre si è parlato perfino di cessione a 1 euro.

E’ inoltre previsto che vengano avviate riflessioni riflessioni con lo Schema Volontario di Intervento del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi per rivalutare l’operazione di sottoscrizione del bond subordinato da 320 milioni di euro.

In Borsa il titolo è stato sospeso per l’intera seduta.

Eni news 24-04-2019 — 10:53

Eni, primo trimestre previsto in crescita

Il gruppo dovrebbe chiudere i primi tre mesi dell’anno con un utile operativo adjusted di 2,53 miliardi dai 2,38 miliardi del primo trimestre 2018, con il contributo decisivo come sempre dell’esplorazione & produzione

continua la lettura