Mer 08 Dicembre 2021 — 14:43

Borsa italiana, nuovo amministratore delegato sarà Fabrizio Testa



Scelta interna, attualmente il manager guida Mts

Il nuovo amministratore delegato di Borsa italiana sarà Fabrizio Testa. Lo scrive oggi il Sole 24 Ore confermando i rumors usciti nel fine settimana su questa scelta interna.

Fabrizio Testa, infatti è attualmente l’amministratore delegato di Mts, il mercato all’ingrosso dei titoli di Stato per cui lavora da 22 anni. Il manager di 53 anni è originario di Cuneo e ha vissuto diversi anni a Londra. E’ stato un trader di Bank of America.

Il nome del successore di Raffaele Jerusalmi dovrebbe essere ufficializzato già domani al termine del consiglio di Borsa Spa, ma Testa dovrebbe assumere l’incarico da dicembre quando partirà il
nuovo piano di Euronext, la federazione di Borse europee di cui Piazza Affari è entrata a far parte.

Il manager secondo le indiscrezioni di stampa avrebbe battuto la concorrenza di Mauro Dognini, a capo della Cassa di compensazione e garanzia, e Barbara Lunghi, responsabile dei mercati equity di Borsa italiana, mentre l’estate scorsa il banchiere ed ex ad di Sace Alessandro Decio aveva di fatto ritirato la propria candidatura.

A occuparsi della selezione, con l’ausilio di Egon Zehnder, è stato Pierpaolo Di Stefano – che da ad di Cdp Equity ha seguito l’operazione Borsa italiana-Euronext – insieme con l’ad di
Cdp, Dario Scannapieco. La scelta è maturata in stretto coordinamento col Tesoro ed è stata condivisa con il ceo di Euronext, Stéphane Boujnah.

Quanto alla guida di Mts, si
prospetta anche qui una promozione interna: nella rosa ristretta ci sarebbe Angelo Proni, che si è occupato dello sviluppo dei nuovi mercati.

Il mese prossimo, l’8 e il 9 novembre, Boujnah presenterà il nuovo piano industriale di Euronext: al momento non sono previsti esuberi in Italia.

Intanto il listino Aim si chiamerà
Euronext growth, come nel resto del gruppo.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura