Mer 20 Novembre 2019 — 06:18

Banco Bpm si prepara al suo primo dividendo



Conti trimestrali in linea o migliori delle attese. Il ceo Castagna conferma che la presentazione del piano è slittata al primo trimestre 2020

banco bpm dividendo

Banco Bpm si prepara staccare il suo primo dividendo. Il traguardo è vicino e dopo i conti diffusi ieri sera a mercato chiuso l’amministratore delegato Giuseppe Castagna si è detto “fiducioso” di avere “raggiunto sufficienti livelli di capitale per poter procedere” con la distribuzione della cedola.

Banco Bpm, dividendo più vicino

Per il 2019 infatti Banco Bpm prevede che gli utili per azione calcolati in termini adjusted, vale a dire “al netto delle componenti reddituali non ricorrenti”, superino “i trenta centesimi di euro, in linea con la possibile distribuzione di un dividendo”.

Si tratterebbe appunto della prima cedola da quando nel 2017 Banca Popolare di milano e Banco Popolare hanno dato origine alla fusione.

I conti del terzo trimestre

Quanto ai risultati del terzo trimestre 2019, Banco Bpm ha segnato ricavi per 1.021,7 milioni, in linea con attese degli analisti, e un utile netto di 93,3 milioni che supera le aspettative del consensus.

Sul fronte dei requisiti patrimoniali, il Cet1 è sostanzialmente stabile al 13,8%, mentre per quanto riguarda la qualità del credito, i numeri riflettono la forte azione di derisking: gli Npl si sono ridotti in un anno di oltre un terzo (del 34,6%).

Rinviato il piano

Il ceo Castagna ha confermato che il piano sarà presentato nel primo trimestre 2020 e quindi non a dicembre. “Ci stiamo lavorando – ha detto il manager – lo scenario è cambiato molto in termini di liquidità”.

Anche in termini di contesto politico, ha aggiunto, “stiamo lavorando a qualcosa che sia il più coerente possibile con il nuovo scenario”.

Dopo la conference gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno alzato il target price sul titolo da 1,75 a 2 euro, confermando la raccomandazione hold.

In Borsa alle ore 11,46 le azioni Banco Bpm segnano +0,52% a 2,125 euro.

ubi massiah 19-11-2019 — 11:08

Massiah (Ubi): non tutte le fusioni sono di successo

La banca al centro del dossier M&A assieme a Banco Bpm, Bper e Mps, ma l’ad preferisce restare cauto. Il nuovo piano nel primo trimestre

continua la lettura