Mer 30 Settembre 2020 — 18:50

Banche nel mirino delle ricoperture, brilla Unicredit



L’istituto di Piazza Gae Aulenti beneficia delle attese per il piano, ma è il comparto in generale a ritrovare i favori degli investitori

borsa italiana oggi

Banche e finanziari sugli scudi a Piazza Affari in avvio di settimana: gli istituti di credito in particolare, guidati a metà mattina da Unicredit, restano al centro di ricoperture da parte degli investitori, che scommettono su un recupero del comparto dopo averlo in parte penalizzato e tenuto a freno nei mesi scorsi.

Banche in rally, Unicredit brilla con attesa piano

Il Ftse Italia Banche, che stamani segna un rialzo di quasi il 2%, da inizio anno alla chiusura di venerdì ha messo a segno circa il +18%, recuperando oltre il 5% solo nell’ultimo mese, mentre il Ftse Mib ha finora accumulato da gennaio un +22% (+1% in un mese).

Brillano le azioni Unicredit, spinte dalle crescenti aspettative sul nuovo piano industriale firmato dal ceo Mustier, che sarà presentato il prossimo 3 dicembre e di cui circolano rumors e a previsioni.

Fra i possibili temi del nuovo piano Unicredit spiccano ancora una volta il derisking, ma anche la politica di remunerazione con il dividendo, la possibile cessione degli asset in Turchia, oltre al progetto di una sub holding basata in Germania a capo dei branch internazionali di Piazza Gae Aulenti.

Su banche effetto spread e ricoperture

Le banche inoltre hanno beneficiato recentemente del continuo miglioramento dello spread Btp/Bund, che sul decennale è arrivato a stabilizzarsi sui 130 punti.

Sulla Borsa di Milano intanto alle ore 11,10 il titolo Unicredit si mette in luce nel comparto con un rialzo di oltre il 2%, portando il bottino delle ultime 5 sedute a circa il 9%. Da inizio anno la performance è del +19%.

Analoghi Ubi e Bper, con banco Bpm e Intesa Sanpaolo sopra il +1%; fuori dal Ftse Mib bene Mps +1% e il Credito Valtellinese (Creval) che recupera oltre il 3%.

Bper aumento di capitale 30-09-2020 — 09:59

Bper, aumento di capitale da oltre 800 milioni

Il prezzo di 90 centesimi incorpora uno sconto sul Terp del 31% circa. Schierato un ampio consorzio di garanzia

continua la lettura