Lun 08 Agosto 2022 — 04:07

Banche, altra tegola Bce: un tetto agli “extra profitti”



In Borsa nuova giornata difficile per il settore

dividendi banche bce

Banche nuovamente sotto il tiro delle vendite a Piazza Affari, anche questa volta per effetto di potenziali iniziative della Bce.

Dopo l’avvertimento del presidente della Vigilanza Bce Enria sui dividendi, spunta ora l’ipotesi di un tetto agli extra profitti degli istituti di credito dell’Eurozona.

La Banca centrale europea starebbe infatti studiando un modo per impedire alle banche di guadagnare miliardi di euro di profitti extra dal programma di prestiti ultra-economici lanciato durante la pandemia, un volta che inizierà ad alzare i tassi di interesse alla fine di questo mese. E’ quanto si legge in un articolo che campeggia in prima pagina sul Financial Times. “I 2.200 miliardi di euro di prestiti agevolati concessi dalla Bce alle banche hanno contribuito a evitare una stretta creditizia durante la crisi della Covid-19. Secondo gli analisti, però, l’aumento dei tassi da parte della banca centrale potrebbe portare a un guadagno supplementare fino a 24 miliardi di euro per gli istituti di credito della zona euro. Il consiglio direttivo della Bce discuterà quindi sul come limitare il margine extra che centinaia di banche potranno guadagnare dai prestiti agevolati” erogati da Francoforte, “semplicemente rimettendoli in deposito presso la banca centrale”, scrive il giornale della City, che cita una fonte vicina al dossier: “Sarebbe politicamente inaccettabile che la Bce fornisse alle banche un profitto sostenuto dai contribuenti mentre sta aumentando i costi dei prestiti per le famiglie e le imprese e la maggior parte degli istituti di credito commerciali sta pagando bonus al personale e distribuendo dividendi agli investitori”.

Una opzione da valutare, per Francoforte, “potrebbe essere modificare i termini dei prestiti per ridurre la possibilità per le banche di ottenere un ritorno automatico sul denaro”.

In Borsa si registra così una buova seduta difficile per il settore. A Milano poco dopo mezzogiorno le vendite fanno capolino in particolare su titoli già duramente colpiti nei giorni scorsi, come Banco Bpm e Mps in calo di oltre il 2%; stesso ribasso per Intesa Sanpaolo mentre Bper cede oltre 1 punto percentuale; Unicredit prova a resistere poco sotto la parità.

moratorie covid 06-08-2022 — 11:35

Semestrali banche italiane, trainate dal margine d’interesse

L’analisi condotta per First Cisl dal Comitato scientifico della Fondazione Fiba sui conti di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Banco Bpm e Bper

continua la lettura