Mer 28 Settembre 2022 — 02:48

Banca Popolare di Bari chiude il 2021 in perdita per 170,8 milioni



L’istituto del gruppo Mcc ha aggiornato il piano industriale, ma al momento non vengono forniti target numerici

popolare bari 2021

Banca Popolare di Bari ha archiviato il 2021 con una perdita netta di 170,8 milioni. I risultati, precisa la Popolare Bari, parte del gruppo Mcc e recentemente affidata al nuovo ad Cristiano Carrus “non sono confrontabili con quelli al 31 dicembre 2020, in quanto i saldi dell’anno 2020 coprono un periodo amministrativo di 2 mesi e mezzo”.

Il margine di intermediazione si attesta a 208,9 milioni, con il margine di interesse a 116,8 mln e le commissioni nette a 87,1 milioni.

Quanto al costo del credito, le rettifiche di valore di Popolare Bari a fine 2021 si attestano a 84,4 milioni.

Il risultato netto della gestione finanziaria raggiunge i 123,8 milioni di euro.

Il totale dei costi operativi è pari a 319,6 milioni, anche tenuto conto delle azioni di revisione della struttura operativa e dell’accantonamento netto “una tantum” per l’adesione al Piano di incentivazione all’esodo, pari a circa 44 milioni di euro.

Intanto oggi il cda di Mediocredito Centrale ha approvato i risultati dell’esercizio 2021, chiuso con un utile netto pari a 86,5 milioni, il miglior risultato dal 2011.

Tornando a Bari, l’ingresso nel Gruppo Mediocredito centrale, concretizzatosi nel mese di marzo 2021, e la necessità di tener conto del rinnovato contesto economico e di alcuni scostamenti, emersi nel corso del 2021, rispetto ai target previsti dal precedente Piano Industriale 2021-2024, “hanno reso necessario l’aggiornamento del Piano stesso, con orizzonte 2022 – 2024″.

“Nell’ambito della revisione del Piano di Gruppo, nel Piano di BPB, approvato dal Consiglio di Amministrazione della Banca il 10 febbraio 2022, sono stati definiti gli obiettivi per il pieno rilancio aziendale, con una focalizzazione sul sostegno alle Famiglie e Imprese piccole e medie dei territori della Banca e una completa declinazione del nuovo modello commerciale, nonché una serie di iniziative strategiche che mirano a rendere più efficienti i processi commerciali e la macchina operativa”. Non vengono forniti target numerici.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura