Finanzareport.it | Banca Popolare di Bari, agli ex vertici multe per 3,37 milioni - Finanza Report

Gio 25 Luglio 2024 — 09:30

Banca Popolare di Bari, agli ex vertici multe per 3,37 milioni



Bankitalia denuncia “carenze nell’organizzazione e nei controlli interni e connessi riflessi sull’adeguatezza patrimoniale” e anomalie nella erogazione e gestione del credito

popolare bari

Arrivano multe salate per gli ex vertici della Banca Popolare di Bari, sanzionati dalla Banca d’Italia per la gestione che ha portato l’istituto al dissesto finanziario e al successivo salvataggio da parte del Mediocredito Centrale (indirettamente controllato dal Tesoro).

Agli ex manager sono state assegnate sanzioni per complessivi 3,37 milioni, secondo quanto anticipano oggi alcuni giornali.

I provvedimenti riguardano ex vertici, componenti del cda e del collegio sindacale della banca per accertate “carenze nell’organizzazione e nei controlli interni e connessi riflessi sull’adeguatezza patrimoniale” e per anomalie nella erogazione e gestione del credito da parte degli ex componenti del comitato crediti.

In particolare l’ex presidente Marco Jacobini, finito agli arresti domiciliari nel gennaio 2020 in seguito all’inchiesta della Procura di Bari, è stato multato per 1,5 milioni. Per Jacobini è stata decisa anche la sanzione accessoria dell’interdizione dall’assunzione di incarichi presso intermediari vigilati per 3 anni.

fascia dimagrante

Sanzioni rilevanti sono toccate fra l’altro all’ex dg della Bpb, Giorgio Papa (375mila euro e l’interdizione per due anni), dell’ex condirettore generale Gianluca Jacobini (285mila euro e due anni di interdizione), figlio di Marco, e dell’ex ad Vincenzo De Bustis, poi rinviato a giudizio per falsa testimonianza.

cuscino lattice economico

Colpiti da sanzioni anche l’ex dg Gregorio Monachino (51mila euro) e l’ex vice direttore, poi cfo Luigi Jacobini (60mila euro); nonché membri del cda della Banca Popolare di Bari come Modestino Di Taranto (46mila euro), Francesco Pignataro (49mila euro), Paolo Nitti (60mila euro), Raffaele De Rango (53mila euro), Luca Montrone (29mila euro).

E ancora gli ex sindaci Roberto Pirola (88mila euro), Antonio Dell’Atti (67mila euro) e Fabrizio Acerbis (84mila euro); e per il comitato crediti Nicola Loperfido (175mila euro), Benedetto Maggi (89mila euro) e Vito Catalano (34mila euro).

Borsa italiana oggi 25-07-2024 — 08:51

Borsa italiana oggi: trimestrali shock, Stellantis frena, Stm taglia stime

Risultati sotto la lente: non mancano nuove sorprese negative e tagli delle stime

continua la lettura
Telegram Finanza Report