Mer 02 Dicembre 2020 — 16:46

Banca Ifis conquista Farbanca per 32,5 milioni



Accordo con i commissari dell’ex Bpvi sul 70,77% dell’istituto. La quota restante è detenuta da 450 piccoli azionisti, prevalentemente farmacisti

Banca Ifis farbanca

Banca Ifis ha raggiunto un accordo con l’ex Banca Popolare di Vicenza per l’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca. L’istituto delle farmacie era sfuggito negli anni scorsi prima a un fondo cinese e poi più recentemente alla Banca Popolare di Sondrio, costretta dalla Bce a cambiare rotta per concentrarsi sugli Npl.

A Banca Ifis il controllo di Farbanca

Banca Ifis nelle scorse settimane aveva ottenuto l’esclusiva a trattare l’acquisizione. Il prezzo che verrà pagato al closing per il 70,77% del capitale sociale è di 32,5 milioni di euro, eventualmente ridotto a seguito dell’aggiustamento prezzo previsto in contratto. Il restante 29,23% del capitale è detenuto da 450 piccoli azionisti, prevalentemente farmacisti. Il closing è subordinato al rilascio delle necessarie autorizzazioni di legge da parte delle competenti autorità. Unitamente alla firma contratto è previsto il pagamento di una caparra confirmatoria pari al 15% del corrispettivo.

“Annunciare l’acquisizione di Farbanca in un periodo così complesso è ancora più importante perché rappresenta un segnale di fiducia verso il nostro Paese ed è la conferma che nei momenti difficili ci sono opportunità di crescita” ha dichiarato Sebastiano Egon von Fürstenberg, presidente dell’istituto al centro del recente riassetto proprietario di Banca Ifis.

Per l’ad Luciano Colombini la transazione “ha una forte valenza strategica perché consente a Banca Ifis di consolidare la propria
posizione di mercato nei finanziamenti alle farmacie e di conseguire importanti sinergie con la controllata Credifarma, dando vita al polo specializzato leader del settore in Italia”.

Farmacie

Banca Ifis, spiega l’istituto mestrino in una nota, rafforzerà il presidio commerciale, raggiungendo oltre 4.700 farmacie clienti e una quota di mercato del 26%, grazie alla combinazione di Credifarma (quasi 2.800 farmacie clienti) e di Farbanca (circa 1.900 farmacie clienti). Le farmacie clienti di Farbanca sono distribuite su tutta Italia con una maggior densità tra Lombardia ed Emilia Romagna, a completamento della presenza territoriale di Credifarma, “dimostrando un’elevata fidelizzazione, una buona qualità dell’attivo e un costo del rischio contenuto”.

Farbanca ha chiuso il 2019 con un utile netto di 4,1 milioni di euro e crediti verso la clientela pari a circa 598 milioni di euro. Al 31 dicembre 2019 il patrimonio netto è di 65,5 milioni di euro, il Cet1 è pari al 16% e le attività ponderate per il rischio (RWA) sono di 409,9 milioni di euro. Al 31 dicembre 2019, Farbanca presenta una struttura operativa efficiente e snella con un cost/income pari al 43,5% e 36 dipendenti.

L’impatto stimato sul Cet1 è di circa 21 punti base.

Banca Ifis è stata assistita dallo studio legale Bonelli Erede in qualità di advisor legale e da KPMG come advisor finanziario.

In Borsa alle ore 10,27 le azioni banca Ifis segnano +1,75% a 8,44 euro.

azioni Eni 02-12-2020 — 11:39

Azioni Eni, analisti Jp Morgan alzano target price ma restano cauti

Per il broker la ripresa della domanda sarà probabilmente irregolare, ma un “super ciclo” per il settore è all’orizzonte

continua la lettura