Gio 26 Novembre 2020 — 16:28

Atlantia, per Telepass tre offerte dai fondi



Secondo indiscrezioni di stampa, la holding infrastrutturale dei Benetton, assistita dagli advisor Goldman Sachs, Mediobanca e Banca Imi, avrebbe ricevuto offerte dal consorzio Bain-Advent-Fsi; da Warburg Pincus assieme a Neuberger Berman; e infine da Partners Group

autostrade macquarie

Azioni Atlantia in rosso stamani a Piazza Affari, in controtendenza rispetto all’andamento generale, mentre giungono indiscrezioni su tre offerte ricevute dal gruppo per la controllata Telepass attiva nei pedaggi autostradali.

Atlantia, per Telepass arrivate tre offerte

Secondo indiscrezioni citate oggi dal Sole 24 Ore, la holding infrastrutturale dei Benetton, assistita dagli advisor Goldman Sachs, Mediobanca e Banca Imi, avrebbe ricevuto offerte dal consorzio Bain-Advent-Fsi; da Warburg Pincus assieme a Neuberger Berman; e infine da Partners Group.

Atlantia avrebbe una valutazione della
controllata di circa 2 miliardi.

Servizi digitali

L’obiettivo della holding che controlla fra l’altro Autostrade per l’Italia, tuttora in attesa di notizie dal governo sul destino delle concessioni, sarebbe quello di cedere una corposa quota di minoranza (anche
superiore al 40%) a un soggetto finanziario capace non soltanto di
aiutare Telepass a crescere, ma anche di portare know how e capacità
tecnologiche per lo sviluppo di tutta una serie di servizi accessori che
vanno ben al di là del pagamento dei pedaggi.

L’identikit, scrive il Sole, è quindi quello di un socio attivo nelle transazioni digitali, a
partire dai servizi di mobilità e da quelli nel settore assicurativo. Si
tratta di un passaggio fondamentale nello sviluppo di Telepass come
piattaforma di pagamenti
.

In Borsa alle ore 10,16 le azioni Atlantia segnano -1,01% a 14,155 euro, con il Ftse Mib poco sopra la parità.

Creval petrus 26-11-2020 — 03:14

Creval, il socio Petrus boccia l’opa del Crédit Agricole e chiede 14 euro

Per il fondo azionista del Credito Valtellinese, che scrive una lettera ai vertici, l’offerta dei francesi “ignora il fair value” della banca

continua la lettura