Dom 21 Luglio 2019 — 11:54

Astaldi, si va verso una proroga dell’offerta di Salini Impregilo



Un passaggio tecnico legato anche alle richieste di integrazione avanzate dal Tribunale di Roma. Trattative intense con le banche mentre l’obiettivo è chiudere il più in fretta possibile

Astaldi

Azioni Astaldi poco sopra la parità a Piazza Affari mentre emergono indiscrezioni su una possibile proroga per l’offerta di Salini Impregilo.

L’operazione di salvataggio della società romana finita in concordato preventivo potrebbe aver bisogno di più tempo per essere definita, anche alla luce delle richieste di integrazione avanzate dal Tribunale di Roma qualche giorno fa.

In particolare, secondo alcune ricostruzioni di stampa, la scadenza del 31 marzo per la presentazione del piano concordatario con allegata l’offerta del general contractor potrebbe slittare di due mesi fino al 31 maggio per consentire di definire al meglio tutti i dettagli e soddisfare le richieste del Tribunale.

Si tratterebbe, comunque, solo di un passaggio puramente burocratico e tecnico perché la volontà di tutte le parti è quella di chiudere in fretta la questione. Del resto sono ancora in corso e sono sempre più intense le trattative con le banche creditrici sulla conversione dei crediti chirografari in capitale e in strumenti finanziari.

Entro la fine di questa settimana Salini Impregilo dovrebbe presentare l’integrazione richiesta dal Tribunale con una serie di pareri indipendenti su argomenti come il mancato obbligo dell’Opa o i possibili dubbi dell’autorità Antitrust.

Connessa con l’integrazione dovrebbe essere, per l’appunto, l’indicazione del nuovo termine del 31 maggio per chiudere tutti gli accordi da allegare alla proposta concordataria e necessari per far partire un’operazione che rappresenta solo il primo passo di un progetto più ampio.

Salini Impregilo ha infatti varato il cosiddetto Progetto Italia, un piano per rimettere in carreggiata l’intero settore delle costruzioni italiano tramite la creazione di un campione nazionale che aggreghi diverse altre società oggi in crisi del calibro di Trevi, Cmc, Condotte o Grandi Lavori Fincosit. Un fattore di spinta al progetto è rappresentato dal coinvolgimento della Cassa Depositi e Prestiti. Proprio la Cdp negli ultimi giorni avrebbe non solo chiesto di non perdere tempo ma avrebbe anche mosso i propri passi tramite delle modifiche allo statuto che agevolino l’intervento, finora del tutto escluso, su aziende in difficoltà.

Alle 10,41 il titolo Astaldi tratta in rialzo dello 0,14%, bene Salini Impregilo in progresso di circa l’1,5%.

pirelli tronchetti provera 19-07-2019 — 11:05

Pirelli, Tronchetti Provera alla guida fino al 2023

Verso il rinnovo dei patti con ChemChina, sarebbe inoltre vicina l’attesa integrazione tra Prometeon e la cinese Aeolus nei pneumatici industriali

continua la lettura