Dom 24 Marzo 2019 — 20:03

Astaldi in luce, trattative serrate con Salini Impregilo



Le due aziende sono nel pieno delle trattative dopo la manifestazione di interesse per le attività nelle costruzioni presentata dal leader di mercato per il gruppo romano in concordato

Le trattative tra Astaldi e Salini Impregilo proseguono serrate con una fitta agenda di appuntamenti per gli advisor.

Secondo il Messaggero, ieri si sarebbero infatti incontrati i consulenti legali dei due gruppi delle costruzioni mentre oggi è previsto che gli advisor della sola Astaldi presentino ai commissari straordinari il progetto per ottenere un finanziamento ponte.

A tal proposito le necessità finanziarie per sostenere la continuità aziendale sarebbero aumentate da 150 milioni a 200 milioni. Le risorse sarebbero concesse, in modo graduale, non solo da Fortress ma anche da Sound Point Capital in cambio di un importante rendimento: si parla di un tasso tra il 10% e il 15%.

In parallelo va avanti anche il piano per il salvataggio, incardinato ormai sulle trattative con Salini Impregilo e particolarmente atteso dalle banche creditrici, a partire da Unicredit, Intesa Sanpaolo, Bnp Paribas, Crédit Agricole e Mps).

Sarebbero, secondo il quotidiano Il Messaggero, tre le ipotesi sul tavolo tra cui quella dell’ingresso di Salini nel capitale di Astaldi con l’iniezione di capitali freschi per 300 milioni, a fronte di un fabbisogno di 600 milioni, oppure in una newco dove far confluire le sole attività nel campo delle costruzioni. In entrambi i casi gli Astaldi rimarrebbero soci di minoranza. A gennaio comunque potrebbero emergere maggiori dettagli sulle intenzioni soprattutto del gruppo guidato da Pietro Salini.

Intanto a Piazza Affari il titolo Astaldi è decisamente ben impostato: alle 9,40 guadagna il 5,77%. Salini Impregilo perde invece lo 0,45%.

carige news 22-03-2019 — 09:52

Carige: countdown per le offerte. Closing su Creditis, rilancio per Cesare Ponti

Entro il 28 marzo si chiude per la cessione della società di credito al consumo mentre per la metà di aprile sono attese le offerte per l’aggregazione. Intanto primi passi concreti per il rilancio della società di gestione del risparmio con una nuova filiale a Genova

continua la lettura