Gio 02 Aprile 2020 — 02:29

Astaldi, da assemblea obbligazionisti Uk via libera al concordato



L’assemblea degli obbligazionisti del bond Usa da 750 milioni non raggiunge invece il quorum e slitta alla seconda convocazione

astaldi assemblea

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – Via libera dall’assemblea degli obbligazionisti Astaldi titolari del bond uk da 140 milioni di euro alla proposta di concordato per il general contractor romano. Il tema è al centro di un duro braccio di ferro tra la società e il Comitato Bondholders che rappresenta circa 80 milioni degli investitori in obbligazioni Astaldi scadenza 2020 e 2024.

L’assemblea degli obbligazionisti del bond Astaldi Usa da 750 milioni “€750,000,000 7.125% Senior Notes due 2020” (codici Isin: XS1000393899 e XS1000389608) non ha raggiunto invece il quorum costitutivo del 42% e pertanto è slittata alla seconda convocazione del prossimo 10 marzo e, occorrendo, in terza convocazione, il 24 marzo.

Astaldi, assemblea obbligazionisti Uk dà luce verde

L’assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario emesso da Astaldi denominato “euro 140,000,000 4.875 per cent. Equity-Linked Notes due 2024” (obbligazioni Uk codice Isin XS1634544248) “si è riunita in data odierna in prima convocazione e ha approvato con il voto favorevole dell’80,05% dei presenti la proposta di concordato preventivo in continuità aziendale diretta di Astaldi nell’ambito della procedura concordataria”, spiega una nota del gruppo.

“Ai sensi della normativa italiana applicabile l’esito della votazione dell’Assemblea sarà espresso dal Rappresentante Comune degli Obbligazionisti in sede di Adunanza dei Creditori – o nei venti giorni successivi, così come consentito dall’articolo 178 della Legge Fallimentare – già fissata dal Tribunale di Roma per il giorno 26 marzo 2020 alle ore 10,30”, conclude Astaldi ricordando la procedura.

Salini Impregilo: passo avanti

Soddisfazione viene espressa in una nota da Salini Impregilo, secondo cui “questo risultato rappresenta un altro passo avanti verso la completa esecuzione di Progetto Italia, il piano Salini Impregilo per l’aggregazione e la creazione di un grande player delle infrastrutture italiano – WeBuild -, realizzato anche attraverso l’entrata nel capitale ed il supporto di Cdp e delle principali istituzioni finanziarie del Paese (Intesa Sanpaolo, Unicredit, Bpm)”.

Comitato bondholders “aspetta Consob”

Da parte sua il Comitato Bondholders Astaldi “prende atto” del rinvio dell’assemblea del bond 2020 e dell’approvazione della proposta di concordato da parte dell’assemblea del bond 2024. Il Comitato “resta in attesa della risposta della Consob alla lettera inviata il 13 febbraio scorso tramite il Prof. Alessio Di Amato, dello Studio Astolfo Di Amato & Associati, per richiedere di valutare urgentemente se la procedura seguita da Astaldi nel concordato garantisca o meno il rispetto della disciplina che regola le operazioni di appello al pubblico risparmio, il rispetto della disciplina che regola l’attività di intermediazione finanziaria e il rispetto della disciplina che regola lo svolgimento delle assemblee degli obbligazionisti”.

In Borsa le azioni Astaldi segnano in chiusura +4,42% a 0,52 euro; Salini Impregilo, impegnata a integrare Astaldi nel Progetto Italia, balza del 4,06% a 1,384 euro.

unipol mediobanca 01-04-2020 — 02:47

Sorprese Consob: Unipol in Mediobanca e la Cina su Eni

Le partecipazioni emergono in virtù delle nuove soglie fissate all’1% (dal 3%) per le società a maggior capitalizzazione e al 3% (dal 5%) per quelle minori

continua la lettura