Dom 05 Luglio 2020 — 01:57

Arca Sgr: Bper e Popolare Sondrio non escludono Ipo o aggregazione



Il dossier sarà affidato nei prossimi giorni a un advisor il cui compito sarà quello di tracciare le possibili opzioni

Arca bper sondrio

Nel futuro di Arca, la Sgr che vede azionisti Bper al 57,06% e la Banca Popolare di Sondrio al 36,86%, ci potrebbe essere lo sbarco in Borsa con un’Ipo. Non viene nemmeno esclusa un’aggregazione per cui viene data in pole position Anima Sgr.

Arca Sgr: Bper e Sondrio valutano opzioni

Il dossier, secondo quanto anticipato nel fine settimana dal Sole 24 Ore, sarà affidato nei prossimi giorni a un advisor industriale, il cui compito sarà quello di tracciare le possibili opzioni, fra cui un potenziamento tramite crescita organica, ma anche l’eventuale quotazione in Borsa o un’alleanza nel settore del risparmio gestito, nonché l’apertura a nuovi soci.

In lizza per il mandato, dopo una prima scrematura, ci sono quattro aspiranti advisor e in pole postion secondo il giornale ci sarebbe McKinsey.

Le opzioni saranno valutate da Bper in accordo con Bp Sondrio, a conferma della sintonia fra i due azionisti, che si sono appena spartiti in maniera paritetica le quote del 40% di Arca rilevate dalle ex banche venete.

Anima Sgr fra i possibili partner di Arca

Il gruppo guidato da Ugo Loser, già finito in passato nel mirino di fondi internazionali (anche per rilevare le quote da Bpvi e Veneto Banca), ha chiuso il bilancio 2018 con l’utile in crescita del 14% al netto delle commissioni di performance, ha 30,7 miliardi di masse in gestione e spicca in particolare nel segmento dei fondi pensione.

Alla finestra c’è soprattutto Anima Sgr, dopo che l’ad Marco Carreri ha affermato recentemente in un’intervista allo stesso quotidiano che “Arca resta un bel progetto, lo diciamo da sempre perché si combina in modo naturale e perfetto con la nostra realtà”.

Arca non sarebbe invece nei radar di Azimut, almeno stando alle recenti affermazioni del presidente Pietro Giuliani che ha detto invece di preferire un partner per favorire la crescita all’estero.

intesa ubi ops 03-07-2020 — 10:14

Ubi dice no a Intesa, torna ipotesi rilancio

Sull’entità dell’eventuale ritocco, già il 20 febbraio scorso era circolata l’ipotesi di una offerta rivista da 1,7 a 2 azioni Intesa Sanpaolo per ogni azione Ubi. Intanto l’aggiornamento al piano “stand alone” incrementa i dividendi di 330 milioni

continua la lettura