Mer 30 Novembre 2022 — 02:15

Ansaldo Energia, il piano illustrato alle banche



Nelle nuove strategie, secondo indiscrezioni di stampa, meno turbine e più green e nucleare

ansaldo piano

Meno turbine, più green tech e nucleare: questi gli “ingredienti” principali del piano di rilancio di Ansaldo Energia.

Ieri, presso la sede di Mediobanca, advisor della società genovese controllata all’88% da Cdp e al 12% da Shangai Electric Corp, assieme a Lazard, l’ad Giuseppe Marino e il cfo Andrea Balzarini hanno presentato alle banche esposte per 1,1 mld – cui 450 mln per cassa in pool garantito Sace (Intesa, Unicredit, Bnp, Hsbc, Commerz, Agricole, SocGen, Santander, Barclays, Bpm) -, la bozza del nuovo piano al 2027 predisposto da Bcg di supporto alla manovra finanziaria il cui lancio è rinviato al 2023.

Il piano, scrive il Messaggero che anticipa le indiscrezioni, disegna la svolta perché ridimensiona il business tradizionale a favore dei servizi e del nucleare. Si vuole invertire la rotta: i ricavi passeranno da 1,2 mld del 2022 a 1,5 mld nel 2027, con il cambio di segno dell’Ebit, da negativo a fine anno a circa 160 milioni tra cinque anni. Nei primi sei mesi 2022 il gruppo ha accumulato un rosso di 442 mln per svalutazioni complessive di 390 mln legate a una revisione delle aspettative future.

Cdp ha a cuore il rilancio di Ansaldo Energia e ha assunto un impegno con la città, prosegue la ricostruzione del giornale romano. Per questo a fianco di Marino è giunto il chief restructuring officer, Simone Di Felice (ex Webuild e Astaldi). La riconversione punta a sviluppare l’attività green tech e il nucleare in maniera che progressivamente il core business delle turbine scenda dal 50% dei ricavi al 23%, mentre le attività di storage e idrogeno possano in cinque anni coprire il 25% del giro d’affari (oggi sono assenti) mentre il nucleare salirà dal 6 al 10%.

“E’ una scommessa, vedremo” si limita a dire uno degli uomini di banca presenti alla riunione. Ora i creditori attendono l’illustrazione del piano finanziario (dopo il 20 novembre) con la richiesta di nuovi bond: gli istituti sono disponibili a rimodulare le scadenze a fronte dell’apporto di capitale fresco atteso sui 400 mln da Cdp e nuovi soci.

Borsa italiana oggi 29-11-2022 — 04:01

Borsa Milano oggi incerta, bene assicurativi, Erg positiva al debutto sul Ftse Mib

Azionario in cerca di una direzione dopo un avvio di settimana negativo e mentre si attendono soprattutto le prossime mosse delle banche centrali

continua la lettura