Ven 24 Maggio 2019 — 10:06

Anche Massolo (Fincantieri) smentisce piani fusione con Leonardo



Il presidente del colosso della cantieristica navale si è detto anche fiducioso del buon esito dell’operazione Stx-Fincantieri

Fincantieri news borsa

Anche il presidente di Fincantieri, Giampiero Massolo, smentisce le ipotesi tornate in auge nelle ultime settimane di una possibile combinazione con Leonardo.

Nelle ultime ore era stato l’ad dell’ex Finmeccanica, Alessandro Profumo, a negare l’esistenza di questi piani, pur alludendo a una possibile operazione con l’eventuale spin-off delle attività della Difesa di Fincantieri. Un’ipotesi, quella di una scissione in Fincantieri, che non è comunque all’ordine del giorno, ha precisato lo stesso Profumo.

Il presunto dossier su una fusione tra Fincantieri e Leonardo era stato già smentito dal premier Giuseppe Conte, come ha ricordato oggi Massolo: “Il presidente del consiglio è stato molto chiaro, c’è poco da aggiungere. vero che in generale in tutti i Paesi – mano mano che si sviluppano le situazioni di concorrenza sui mercati internazionali – anche i settori dell’industria della difesa devono tendere sempre maggiore razionalizzazione, ma parlare di piani mi sembra assolutamente immotivato e prematuro”.

Quanto all’indagine dell’Antitrust Ue sull’operazione Stx-Fincantieri, Massolo ha spiegato: “Sta andando avanti. Siamo alla fase del contatto informale tra aziende e commissione che non ha una scadenza precisa, poi ci sara’ una fase piu’ formale, con delle scadenze”.

L’ex diplomatico ha aggiunto che Fincantieri sta continuando a preparare la propria documentazione: “Siamo abbastanza convinti che il nostro sia un caso valido, poiché tende a mettere l’industria europea in una situazione di maggiore competitività sui mercati mondiali. Non riteniamo che da questo punto di vista ci sia una situazione di rischio per la concorrenza in Europa”.

carige news 23-05-2019 — 12:50

Carige in liquidazione come le banche venete? Gli azionisti tremano

Lo Stato interverrebbe comunque, ma gli azionisti sarebbero azzerati. La Bce continua a puntare sulla soluzione privata

continua la lettura